martedì, novembre 20, 2012

L'autodifesa di Israele: massacrata a Gaza un'intera famiglia


Domenica 18 novembre, nel primo pomeriggio, Israele ha dato l’ennesima dimostrazione di come stia prendendo deliberatamente di mira i civili nel corso dei suoi raid aerei su Gaza, in un orribile crimine di guerra che è costato la vita a 9 membri della famiglia al-Dalu. Un altro membro della famiglia è tutt’ora disperso, mentre due dei vicini, tra cui un’anziana donna, sono stati parimenti uccisi dall’esplosione provocata da un missile israeliano. Nove sono i feriti, tra cui due bambini e tre donne.

Secondo quanto riferisce il Palestinian Centre for Human Rights, intorno alle 14:30 di domenica scorsa, un F-16 israeliano ha lanciato un missile contro un edificio di 4 piani appartenente al 52enne Jamal Mahmoud Yassin al-Dalu. In quell’edificio, dove fino ad allora avevano vissuto 3 famiglie formate complessivamente da 11 persone, si trovava di fronte alla Bank of Palestine in al-Nasser Street, a nord di Gaza City.

Il missile ha distrutto completamente l’edificio, seppellendo i suoi residenti: come risultato, nove membri della famiglia (tra cui 4 donne e 4 bambini) sono stati uccisi. Le vittime identificate sono:

- Suhaila Mahmoud al-Dalu, 73 anni
- Tahani Hassan al-Dalu, 52 anni
- Mohammed Jamal Mahmoud al-Dalu, 29 anni
- Samah Abdul Hamid al-Dalu, 27 anni
- Raneen Jamal al-Dalu, 22 anni
- Sarah Mohammed Jamal al-Dalu, 7 anni
- Jamal Mohammed Jamal al-Dalu, 6 anni
- Yousef Mohammed Jamal al-Dalu, 4 anni
- Ibrahim Mohammed Jamal al-Dalu, 1 anno

Fino al pomeriggio di ieri, le squadre di soccorso stavano ancora cercando il corpo dell’ultimo componente della famiglia ancora mancante, la 17enne Yara Jamal Mahmoud al-Dalu.

Come risultato ulteriore del bestiale crimine israeliano, numerose case vicine all’edificio distrutto sono state gravemente danneggiate, e altri due civili palestinesi sono stati uccisi: si tratta della 75enne Ameena Matar al-Muzannar e del 19enne Abdullah Mohammed al-Muzannar.

Qui di seguito vi è un estratto del reportage di Fabio Scuto che, su Repubblica, riporta l’accaduto e racconta la drammaticità della vita a Gaza in queste ore; si tratta di un reportage onesto, salvo il fatto che si da spazio – come accade per la quasi totalità dei media peraltro – alla tesi spacciata dalla propaganda israeliana per cui la colpa della strage di civili in atto nella Striscia di Gaza sarebbe da addossare quasi in toto ai miliziani palestinesi, che nascondono le rampe di lancio di razzi e missili all’interno delle zone abitate.

Si tratta, come sempre, di una colossale menzogna, in quanto i raid israeliani prendono di mira costantemente edifici pubblici che non costituiscono obiettivi militari, o addirittura le case (vere o presunte) degli alti esponenti di Hamas e delle altre organizzazioni palestinesi.

Nel caso del massacro della famiglia al-Dalu, probabilmente il raid intendeva colpire la casa di un membro delle Brigate al-Qassam, e dunque si sarebbe trattato di un clamoroso errore. Un errore costato la vita a 11 persone innocenti.

Ma, errore o meno, colpire un edificio di civile abitazione è sempre e comunque un chiaro crimine di guerra ed una palese violazione del diritto umanitario. Violazione che nessuno in Occidente ha voglia di addebitare in alcun modo allo stato-canaglia israeliano e agli assassini che lo guidano.

E i morti nella Striscia di Gaza, ormai, ammontano a 111, più di mille i feriti.

La Repubblica: Un’intera famiglia cancellata dal blitz.
20.11.2012

Jamal, il patriarca della famiglia Al Dalou, con il volto gonfio di pianto abbraccia i parenti e i vicini di casa che sono venuti a porgergli le condoglianze per il lutto che lo ha colpito. E’ rimasto solo.

La sua famiglia – la moglie, il figlio, la nuora, la sorella e cinque nipoti – sono morti nel crollo della palazzina centrata da un missile domenica scorsa nel quartiere Nasser. In silenzio, stanno seduti su delle sedie di plastica bianca prestate da un vicino; a pochi metri di distanza un bulldozer sta scavando fra le rovine. Al tragico appello manca ancora Yara, l’altra figlia.

Poi in un clima di grande commozione, una piccola folla sfida i droni armati di missili e i caccia F-16, che come calabroni volano incessantemente, e per le strade deserte di Gaza City lo accompagna nel cimitero di Sheikh Radwan. Vengono sepolti anche i due vicini di casa uccisi dall’esplosione.

Secondo l’esercito israeliano nella palazzina, centrata da un missile ad alto potenziale, abitava un certo Yiahia Abayah, identificato come un leader del movimento armato della Jihad islamica. Ma ora nessuno degli abitanti sulla strada della famiglia Al Dalou dice d’avere mai sentito questo nome…

Forse la tragedia della famiglia Al Dalou potrebbe spingere i Paesi arabi, quelli europei, ma soprattutto gli Stati Uniti, a premere su Israele per fermare gli attacchi aerei.

La campagna aerea, le eliminazioni mirate, la distruzione di “arsenali” e commissariati di polizia è proseguita anche ieri – 23 le vittime della giornata, che portano i morti palestinesi a oltre 100 – ma una indicazione che le cose a Gaza per Israele non stanno andando come previsto è l’aumento costante del numero di vittime tra i civili palestinesi.

Anche prima della strage della famiglia Al Dalou, i resoconti delle vittime tra i bambini, le donne e gli anziani si sono moltiplicati, mentre il danno causato ai militanti di Hamas o di altre organizzazioni è stato relativamente limitato…

… Nella Striscia la morte è in agguato ovunque: negli edifici governativi come nelle basi delle milizie; nello stadio di calcio come nel Media Center Al Shuruq; nei campi agricoli vicini al confine… Chi esce per strada rischia la vita come chi sta in casa. In giro si avventura soltanto chi non può farne a meno: giornalisti, medici, tecnici della luce o del telefono.

L’attività commerciale è paralizzata. Nel centro di Gaza restano aperte le panetterie e qualche ristorante per i rari passanti. Il ministero dell’Economia del governo di Hamas assicura che ai negozi sono stati distribuiti generi di prima necessità. Ma le corsie dei supermercati, che aprono 1-2 ore, sono deserte e gli scaffali semivuoti.

“Non avvicinatevi ai santuari di Hamas”, ha intimato Israele agli abitanti della Striscia, dopo essersi inserito nelle frequenze della radio e della tv di Hamas. Non è così semplice visto che, al tempo stesso, Israele sostiene che i miliziani di Hamas, le loro installazioni e i loro arsenali, sono nascosti anche nelle scuole, nelle moschee, fra gli impianti sportivi, nel Media Center.

Ieri quel che restava del grattacielo Al-Shuruq nel quartiere di Rimal – che ospitava fra gli altri gli uffici di Sky News, Al Arabiya, Russia Today , la Press Tv iraniana, ma anche due tv vicine ad Hamas – è stato distrutto da un secondo attacco nel quale è morto un leader della Jihad islamica con tre miliziani, ma anche due civili.

Chi vive nelle zone più vicine al territorio israeliano cerca rifugi provvisori: ieri l’UNRWA – che assiste 800mila palestinesi privi di mezzi di sostentamento – ha aperto alcune delle scuole che gestisce, chiuse per motivi di sicurezza, per ospitare i nuovi sfollati. La sera a Gaza non c’è una luce accesa per la strada; la paura cresce, nell’angoscia che la “campagna di terra” promessa da Netanyahu sia imminente.

Condividi

5 Commenti:

Alle 20 novembre 2012 14:07 , Anonymous Ale ha detto...

Caro Muhammed di Gaza,
Sono Haimm di Gerusalemme, abbiamo molte cose in comune pertanto ho deciso di scriverti.
Entrambi abbiamo figli piccoli, entrambi lavoriamo duramente ed entrambi siamo innamorati della donna con cui viviamo.
Stasera prima di andare a dormire entrambi spengeremo le luci , chiuderemo la porta di casa e, dopo aver coperto le bambine ed avergli dato la nostra benedizione , ce ne andremo a letto.
E qui purtroppo iniziano le differenze...
In mezzo alla notte un boato tremendo ti svegliera`, entrerai in camera di tua figlia e ti accorgerai che tutta la parete est della tua casa e` crollata e tua figlia e` rimasta ferita, i miracoli avvengono anche a Gaza, sarebbe potuta morire .
Piange sul pavimento della camera distrutta.
Non farai in tempo a consolarla che uno sconosciuto che si presentera` come Abbed entrera` nella stanza ed iniziera` a fotografarla col suo I-Phone.
Aspetta un secondo, prima di incazzarti come una iena , contro i porci sionisti, rivolgi un attimo un pensiero al tuo vicino Immaad, si quello che qualche mese fa ti era venuto a chiedere un prestito per sfamare i suoi figli ( ne ha sette, che D-o li benedica) e tu non hai potuto aiutarlo perche anche per te i soldi non bastano mai.
E comunque non ti preoccupare... il tuo vicino si e` sistemato.
Qualcuno gli ha offerto 2000 shequel al mese per immagazzinare a casa sua 50 racchette Kassam in una delle camere, guarda che sfiga, proprio quella che confina con la camera di tua figlia.
Ma ora non ti arrabbiare con Immad il vicino, Abed ( lo stesso che ora sta fotografando tua figlia) gli ha assicurato che i missili erano li solo in deposito, e non sarebbero stati usati.
E cosi da piu` di un anno , a tua insaputa, tua figlia dorme con la testa a 2 metri da un deposito di esplosivi.
Quindi per un momento lascia stare Immad e pensa cosa e` un missile Kassam. E` un razzo, pieno di esplosivo e non troppo preciso. Per fare danni ed uccidere ( in fondo questo e` lo scopo dei missili) bisogna spararlo quasi a casaccio , sperando che colpisca almeno una strada, se non una scuola o un asilo dei porci sionisti. E siccome e` meglio andare sul sicuro, meglio spedirne una decina per volta..
Questo sistema nel mondo civile , vale a dire quello di cercare di fare vittime innocenti tra la popolazione civile e` chiamato "terrorismo" e noi israeliani siamo un po` fissati, i terroristi ci stanno sulle palle!!!
Ma noi siamo fissati anche su un'altra cosa, non vogliamo fare vittime innocenti, quindi investiamo soldi e tecnologie per costruire missili super precisi che colpiscano solo i depositi di missili terroristici limitando i danni ai civili circostanti.
Che possiamo farci... a volte vi sono bambine innocenti che dormono proprio vicino al deposito, ma non vicino soltanto , con la testa a due metri dal deposito
E adesso un minuto... prima che di nuovo ti arrabbi contro il porco sionista che manda i missili che colpiscono i depositi che saltando feriscono tua figlia innocente pensa un momento ancora ad Abbed .
Abbed e` un terrorista di hamas, incaricato di cercare depositi per nascondere i missili.
Questi depositi devono avere solo poche caratteristiche. Devono essere distanti uno dall'altro, devono essere in abitazioni civili, meglio se con bambini, in quarieri densamente popolati oppure in ospedali, scuole o altre strutture umanitarie.
E sai perche`? Abbed e` ben contento se succede qualcosa a tua figlia, cosi la puo fotografare ferita e piangente e postarla su you-tube.
Adesso puoi incazzarti con Abbed, ne hai il diritto.
Ma Muhammed, fratello mio, non basta incazzarsi con Abbed, dovresti iniziare ad inveire anche contro Hammas, che e` il mandante di Abbed e che comanda a Gaza, li dove vivi tu con la tua famiglia.
E` Hamas che decide di usare te e tua figlia come scudo umano, e` hamas che sfrutta il tuo silenzio per seguitare a farti vivere nel terrore .
Quindi il tuo nemico e` hamas, e` lui che non ti fa vivere in pace e sicurezza.

 
Alle 20 novembre 2012 14:07 , Anonymous Ale ha detto...


Hamas deve cadere, ed al suo posto deve sorgere, tu devi far sorgere, un nuovo governo, il cui scopo principale e` far crescere serena tua figlia, dargli delle sicurezze ed un futuro.
Muhammed questo deve partire da te, ed allora non esisteranno veramente piu` differenze tra noi.
Sogni d'oro ed un futuro migliore Muhammed

 
Alle 21 novembre 2012 02:04 , Anonymous herbalku99 ha detto...

palestine wait me!!!!! let destroy the zionist

 
Alle 21 novembre 2012 12:23 , Blogger vichi ha detto...

La famiglia al Dalu non aveva razzi alla finestra o armi in cantina. La famiglia al Dalu è stata massacrata perchè l'esercito israeliano credeva che lì abitasse un esponente di Hamas.

E israele ha le mani sporche di sangue innocente perchè continua a bombardare, assediare ed affamare donne, bambini, gente già povera di suo.

La farsa propagandistica degli "scudi umani" va bene solo per i ministri degli esteri della ue e pre chi è accecato dal cieco fanatismo politico e/o pseudo-religioso.

 
Alle 10 dicembre 2012 06:52 , Anonymous Anonimo ha detto...

Fabio Scuto non ha sbagliato. Ha solo copiato l'articolo di
"Haaretz", quotidiano israeliano scritto, da Avi Issacharoff il 18 novembre 2012 dal titolo "As IDF strike kills entire family in Gaza, Israel is starting to get in trouble".

Copia un po' tutto, ma soprattutto:

"One indication that the campaign in Gaza is starting to get into trouble, as far as Israel is concerned, is the constant increase in the number of casualties among Palestinian civilians. Even before the al Dalou family, reports about casualties among children, women and the elderly have been increasing over the past two days, while harm caused to militants from Hamas or other organizations has been relatively limited.
There are several reasons for this: Hamas, of course, operates from within a civilian population and conceals its arsenals in built-up areas. The same is true of missile launchers, rockets and more. In addition, most Hamas militants make sure not to remain above ground most of the day. They stay in the network of tunnels built by Hamas beneath the Gaza Strip in recent years and, in effect, are at very low risk compared to the vast majority of the Gaza population. And the process of launching the rockets is extremely quick and is sometimes done by remote control, so that the ability to strike at those militants is very limited".

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page