giovedì, novembre 15, 2012

Lettera aperta al Sindaco di Palermo Leoluca Orlando


Gentile Sig. Sindaco,

ancora una volta la Striscia di Gaza è sotto attacco da parte dell’esercito israeliano, e ieri, in poche ore, una triste contabilità ha fatto salire il conto dei morti palestinesi a dieci, tra cui tre bambini, uno di essi aveva solo 11 mesi. Tra le vittime, spicca la figura di Ahmed Al Jaabari, il capo militare di Hamas, ucciso da Israele in una delle sue “classiche” eliminazioni “mirate” che sono chiaramente vietate dal diritto umanitario, in quanto equivalgono ad una esecuzione senza alcun processo: si tratta di una pericolosissima escalation di violenza in un’area già devastata qualche anno addietro dalla criminale operazione militare denominata “Piombo Fuso”.

I media al servizio della propaganda filoisraeliana (ahimé la grande maggioranza) sosterranno che si tratta di una “legittima” risposta al lancio di razzi dalla Striscia di Gaza verso il sud di Israele, facendo finta di dimenticare che già ben prima, a partire dall’8 e fino al 13 di questo mese, l’esercito israeliano aveva ucciso 8 palestinesi (6 civili, tra cui 3 minori) e ne aveva feriti ben 52. E proprio la prima vittima della furia criminale dell’esercito israeliano era stato il 13enne Ahmed Abu Daqqa, ferito dal fuoco dei soldati dell’Idf mentre giocava con gli amici e morto poco dopo il ricovero all’European Gaza Hospital di Khan Younis.

Se ha ancora un minimo di senso e di validità il gemellaggio tra la nostra città e quella di Khan Younis, in queste ore sottoposta all’ennesima massiccia incursione da parte dell’esercito israeliano, al pari del resto della Striscia di Gaza, Le chiediamo di far sentire la sua voce, la voce del Sindaco di una città della pace come Palermo, per chiedere a nome di tutti i cittadini la fine delle indiscriminate incursioni israeliane nella Striscia di Gaza e la condanna dell’ennesimo crimine perpetrato dal governo Netanyahu.

La povera gente di Gaza, i nostri fratelli di Khan Younis, hanno bisogno del nostro aiuto e di tutto il nostro sostegno.

Condividi

4 Commenti:

Alle 15 novembre 2012 19:38 , Anonymous Ale ha detto...

dei 300 razzi non parli? Non dici che jabari era un terrorista del cazzo?

 
Alle 19 novembre 2012 15:55 , Blogger vichi ha detto...

Il problema non è solo Jabari, benchè è universalmente noto che le eliminazioni mirate sono vietate dal diritto internazionale. Il problema è che gli assassini israeliani bombardano a tappeto edifici civili, massacrando donne e bambini innocenti. E sul jpost si lamentano perchè il sangue versato ancora non gli basta...

 
Alle 19 novembre 2012 16:57 , Anonymous Ale ha detto...

E' cominciato tutto da Jabari? Le centinaia di missili piovuti nel sud di Israele allora cosa sono? Perchè non provi ad andare a vivere a Sderot e a scappare 10 20 volte al giorno a causa dei grad?
L'uccisione di un terrorista è sempre legittimata. In QUALSIASI occasione!

 
Alle 20 novembre 2012 12:36 , Blogger vichi ha detto...

Come spesso accade, in vista di una campagna elettorale non c'è niente di meglio che ricordare agli israeliani che esiste un nemico alle porte, e di conseguenza scatenare un piccolo inferno capace di aumentare i consensi di chi governa.

I centinaia di "missili" (mica tutti grad, eh!), sono una risposta ai raid, alle eliminazioni mirate, alla buffer zone, al divieto di pesca oltre le tre miglia marine e a tutte le altre forme dell'assedio criminale che da anni israele ha imposto alla Striscia.

Se io abitassi a Sderot, chiederei al mio governo di cercare un accordo politico con chi governa la Striscia, senza tenermi in ostaggio per dimostrare che "con i palestinesi non si può fare la pace"...

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page