5 luglio 2012

Incoraggiamo la Chiesa Presbiteriana Usa a votare per il disinvestimento


Il popolo palestinese vive sotto l’occupazione illegale israeliana da oltre 45 anni, mentre il governo israeliano e la teppaglia dei coloni, ogni anno che passa, si impadroniscono di sempre maggiori estensioni di terra palestinese, mettendo a grave rischio la soluzione pacifica del conflitto israelo-palestinese.

Nel frattempo, i governi delle nazioni di tutto il mondo hanno assistito impotenti – se non addirittura hanno appoggiato apertamente – a questo scempio della legalità e del diritto umanitario, e non sono riusciti in alcun modo a porre un argine all’occupazione criminale di Israele.

Per questo motivo riveste così grande importanza il movimento su scala mondiale della società civile che propugna il disinvestimento dalle imprese che traggono profitto dall’occupazione, usando il potere finanziario per rendere Israele responsabile di fronte al diritto internazionale e per fargli pagare un prezzo per i suoi misfatti.

Ed è per questo che è di assoluta importanza incoraggiare e supportare nella sua imminente decisione la Chiesa Presbiteriana, che potrebbe nelle prossime 24 ore divenire la più grande Chiesa negli Usa a disinvestire dalle aziende che contribuiscono o traggono profitto dall’occupazione dei territori palestinesi (Caterpillar, Motorola e Hewlett-Packard).

In questo senso è l’appello di Jewish Voice for Peace, qui sotto riportato.

24 ore

Carissimi,

nelle prossime 24 ore, abbiamo la rara opportunità di contribuire a cambiare il corso degli eventi contro l’occupazione israeliana che dura da 45 anni.

Una delle maggiori istituzioni degli Stati Uniti, la Chiesa Presbiteriana degli Usa con i suoi due milioni di aderenti, è ad appena 24 ore dal voto sull’opportunità di disinvestire dalle società che traggono profitti dall’occupazione israeliana. Il voto si avvicina e già hanno sentito 20.000 persone dir loro di opporsi al disinvestimento.

Vuoi contribuire a superare quei 20.000 aggiungendo la tua voce a quanti incoraggiano i Presbiteriani a votare a favore del disinvestimento?

Clicca qui per aggiungere il tuo nome.

La petizione recita: “Presbiteriani, vi incitiamo a votare secondo la vostra coscienza sul disinvestimento dalle aziende che traggono profitto dall’occupazione”.

Nelle ultime settimane, abbiamo assistito ad una nuova ondata ispiratrice verso il cambiamento. Dapprima, un indice dei principali investimenti socialmente responsabili ha escluso la Caterpillar, a causa delle violazioni dei diritti umani da parte di Israele e di altri problemi. Successivamente, il gigante pensionistico TIAA-CREF ha seguito l’esempio e ha disinvestito 73 milioni di dollari di azioni Caterpillar dal suo fondo socialmente responsabile.  

Se i Presbiteriani voteranno per il disinvestimento, si aprirà finalmente la porta per le istituzioni di tutto il paese per ritenere Israele responsabile secondo il diritto internazionale. E questo invierà un messaggio sia al governo degli Stati Uniti sia al governo israeliano.

Ma i Presbiteriani sono sottoposti ad una enorme pressione affinché votino contro il disinvestimento. Puoi aggiungere subito il tuo appoggio?

Oggi noi abbiamo la migliore opportunità di questi anni per contribuire a porre fine ad una occupazione illegale che viola i diritti dei palestinesi, e distrugge ogni possibilità sia ebraica sia palestinese per una pace duratura.

4 luglio 2012
Sidney Levy – Jewish Voice for Peace bit.ly/YESdivestbit.ly/YESdiv   

Condividi

1 Commenti:

Alle 7 luglio 2012 08:51 , Anonymous Anonimo ha detto...

VOLETE LA VERITA' SULLA SIRIA? NON POTETE MANCARE!
Filippo Pilato, giornalista free lance di ritorno dalla Siria
Video inediti
OGGI 18:30 a PALERMO via Villa Florio, 62

Geremia

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page