21 gennaio 2010

The age of walls.

Sempre a proposito di muri, è utile riportare questo bell’articolo di Samera Esmeir pubblicato sull’ultimo numero di Al-Ahram Weekly e tradotto da Medarabnews.

Il punto di partenza dell’analisi della Esmeir è costituito dalle parole con cui il primo ministro israeliano Netanyahu ha annunciato il 10 gennaio di aver approvato il progetto per la costruzione di un muro “tecnologico” lungo il confine tra Israele e l’Egitto: “Ho deciso di chiudere il confine meridionale di Israele agli infiltrati e ai terroristi dopo prolungate discussioni con i ministri del governo e con figure professionali. Questa è una decisione strategica per assicurare il carattere ebraico e democratico dello Stato di Israele”.

Rinviando alle considerazioni svolte nell’articolo, qui voglio solo segnalare come il proliferare dei muri attorno ad Israele ha come effetto quello di trasformare ogni tentativo di rivendicazione nei suoi confronti – come accade per i Palestinesi – in una violazione che legittima ogni tipo di risposta, anche la più sanguinosa; costruire muri, lungi dall’assicurare la sicurezza, garantisce soltanto che vi saranno sempre nuove campagne militari, ognuna più sanguinosa di quella precedente.

Ma, soprattutto, è importante sottolineare come, ancora una volta, ritorni l’argomento principe della necessità di assicurare la “ebraicità” dello stato israeliano, perché è questo il nocciolo della questione e la fonte di ogni problema.

Gli ebrei sono gli unici al mondo ad aver legato la fede all’identità nazionale, al punto da ipotizzare di chiedere alle minoranze arabe di giurare fedeltà ad Israele in quanto stato ebraico, una vera follia dalle conseguenze devastanti. La “terra promessa” diviene stato solo per ebrei, da cui escludere ogni sorta di “infiltrato” (e pazienza se lui e i suoi antenati vivevano lì da secoli…), un vero motore di razzismo, colonizzazione, violenza, esclusione.

E poi, come nota la Esmeir, se Israele ha bisogno di circondarsi di muri al fine di preservare il suo carattere ebraico, questo non è un indizio del fatto che Israele non è mai stato ebraico?

Se Eric Hobsbawm dovesse aggiungere un quinto volume al suo classico studio storico in quattro volumi “Ages of Capital, Empire, Extremes and Revolution”, e se dovesse dedicare questo nuovo volume al XXI secolo, probabilmente lo intitolerebbe “The Age of Walls”, l’era dei muri.

E’ vero, molte persone nel mondo pensavano che l’era dei muri fosse già tramontata con la caduta del muro di Berlino, ma Israele sembra aver dichiarato di impegnarsi a perpetuare tale era. Israele sta completando un muro di cemento nei territori palestinesi occupati nel 1967, un altro muro di ferro è attualmente in costruzione lungo il confine tra l’Egitto e la Striscia di Gaza, e Israele è in procinto di avviare la costruzione di un muro “tecnologico”, ovvero di una “barriera”, come si dice, alla frontiera con l’Egitto. Di cemento, di ferro, ad alta tecnologia – questi sono i nuovi muri in costruzione nella regione. Molto presto, forse, potremmo cominciare ad assegnare premi per il miglior progetto di muro fatto di altri “materiali”.

L’ultimo episodio di questa campagna per “circondare di muri la regione” è stato annunciato domenica 10 gennaio 2010, quando il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha approvato i progetti per erigere la suddetta barriera. La prima fase avrà inizio con la costruzione di “recinzioni lungo le sezioni del confine a sud della Striscia di Gaza e a nord di Eilat”. Inoltre, “misure tecnologiche saranno dispiegate lungo l’intero confine per permettere la localizzazione degli infiltrati e dei pericoli in modo tempestivo”.

Della sua decisione, Netanyahu ha detto: “Ho deciso di chiudere il confine meridionale di Israele agli infiltrati e ai terroristi dopo prolungate discussioni con i ministri del governo e con figure professionali. Questa è una decisione strategica per assicurare il carattere ebraico e democratico dello Stato di Israele. Israele rimarrà aperto ai profughi di guerra, ma non possiamo permettere a migliaia di lavoratori clandestini di infiltrarsi in Israele attraverso la frontiera meridionale e di invadere il nostro paese “.

Le minacce da cui questa barriera dovrebbe proteggere Israele sono: “lavoratori clandestini, infiltrati, contrabbandieri, terroristi, gli africani, gli abitanti di Gaza, prostitute, droga e armi”. Solo chiudendo il confine e garantendo Israele contro queste “minacce”, ha detto infatti Netanyahu, Israele rimarrà ” ebraico e democratico “. Ma che cosa significa “chiudere” un confine che si estende per circa 200 chilometri? E in che modo esattamente queste persone e cose minacciano il carattere “ebraico e democratico dello stato di Israele”? In che modo muri o barriere proteggono il carattere di uno stato? E, infine, che cosa ci racconta la proliferazione di muri a proposito della psicologia che guida la politica israeliana?

L’uso della parola “chiudere” per descrivere in che modo sarà controllato il confine con l’Egitto è significativo. “Chiudere le frontiere” è un’espressione che è stata utilizzata negli Stati Uniti in riferimento al loro confine con il Messico. In Israele, l’espressione indica l’illusione che una popolazione possa preservare la sua purezza, proteggendosi da ciò che la circonda (e dalle vite umane che ha scacciato dalla loro terra). In ballo, qui, non è affatto la paura degli altri, ma un profondo senso di superiorità nei confronti di coloro che abitano la stessa area geografica, o aree geografiche vicine, e un sincero desiderio di escogitare uno stile di vita che li sradichi, li nasconda, o li deporti. “La Terra Promessa”, dopotutto, è tutt’altro che un concetto astratto; essa appartiene ad aree geografiche e ad eredità storiche concrete. La sua secolarizzazione come strumento per la formazione dello Stato-nazione di Israele in mezzo a queste aree geografiche e a queste eredità storiche tramuta la terra-trasformata-in-stato in un motore di razzismo, di colonizzazione e di esclusione.

Indicative di questo senso di superiorità sono le dichiarazioni rilasciate da Netanyahu riguardo alla prospettata barriera, lo scorso dicembre. In una riunione della Commissione ‘sicurezza e affari esteri’, egli ha affermato che la parte meridionale di Israele è l’unico posto al mondo dove ci si può spostare dal Terzo al Primo Mondo semplicemente camminando: “Il problema è che è possibile andare a piedi dall’Africa a Gush Dan. E’ impossibile fare lo stesso in direzione di Parigi o Madrid, perché c’è un mare lungo la strada”. Egli ha anche aggiunto che “dovremo circondare di muri tutto il paese, non abbiamo altra scelta”.

In effetti, se Israele vuole preservare la propria percezione di essere una potenza superiore e più avanzata nella regione, può non avere altra scelta che quella di circondarsi di muri. In altre parole, può non avere altra scelta che quella di costruire letteralmente questa auto-proclamata superiorità. Ma prendere in considerazione l’idea di circondare di muri un intero paese denota che l’atto di costruire muri non è semplicemente un atto di sovranità. Piuttosto, costruire muri in questo caso è la capacità di inventare e preservare la purezza di un popolo, e di un territorio, mantenendolo in un costante stato di paranoia. In questo senso, il costruire muri è qualcosa che si intreccia con il male. Quanto più viene cercata la purezza, tanto più le risposte contro le pratiche che violano questa purezza sono destinate a diventare sempre più dure. L’effetto di circondarsi di muri, di conseguenza, non è semplicemente quello di impedire ad “africani, terroristi, palestinesi, trafficanti di droga e d’armi” di “infiltrare” il confine meridionale. Piuttosto, l’effetto dalle conseguenze ben più profonde è quello di produrre uno spazio chiuso, che trasforma i tentativi di rivendicazione rivolti nei suoi confronti in una violazione che legittima risposte sanguinose. Più verranno costruiti muri, più vi saranno campagne militari.

A dire il vero, però, Netanyahu non è l’autore di questo nuovo progetto. L’idea è stata covata per diversi anni, e sembra risalire almeno al 2005, quando un progetto chiamato “Sand-Clock” fu per la prima volta messo a punto dal ministero della difesa israeliano. Da allora, il Centro di ricerca e informazione del parlamento israeliano ha preparato una serie di rapporti sulle “minacce” presenti alle frontiere con la Giordania e l’Egitto, raccomandando la chiusura del confine con l’Egitto. Inoltre, diverse commissioni del parlamento hanno discusso la questione del confine meridionale. E, infine, il governo di Ehud Olmert ha esaminato una serie di progetti per chiudere il confine, compreso il progetto Sand-Clock. Ci sono voluti diversi anni per elaborare e approvare un progetto definitivo, perché sono state considerate diverse opzioni, tenendo conto delle condizioni geologiche e topografiche della linea di confine.

L’identità dei politici responsabili del nuovo progetto di muro è importante. Ma la cosa più significativa è il discorso che vi è alla base, il quale contestualizza le suddette minacce e le mette in relazione al presunto “carattere ebraico e democratico dello Stato di Israele”. Questo discorso è sia globale che locale. Nella sua prospettiva globale, esso attinge alle pratiche di altri paesi occidentali nei confronti della manodopera straniera e degli immigrati indesiderati (neri, musulmani, arabi, asiatici, ecc); mette in primo piano le preoccupazioni nei confronti della tratta delle donne, del traffico di droga e di armi, come se il contrabbando transfrontaliero fosse la loro principale causa o fonte; trasforma l’Africa in una sorgente di tenebra eterna, alimentando la coscienza occidentale intollerante e i suoi progetti razzisti; e, infine, fa ricorso al vocabolario della guerra globale al terrorismo.

Ma ciò che si può leggere come un tipico discorso occidentale contemporaneo a proposito delle frontiere, contiene ulteriori riferimenti locali. Il parlare di “infiltrazione” ha una particolare storia locale. L’ “infiltrato” nella memoria collettiva israeliana è il nome che Israele diede ai profughi palestinesi che tentarono di tornare a casa in Palestina dopo la guerra del 1948, e che furono nuovamente espulsi non appena fu scoperto il loro ritorno. Il termine fu anche usato per descrivere altri palestinesi, che non lasciarono la Palestina durante la guerra, ma che furono poi etichettati come ‘infiltrati’ allo scopo di espellerli. L’infiltrato era quindi il palestinese la cui espulsione, in alcuni casi reiterata per due volte, era necessaria al fine di costruire uno stato esclusivamente ebraico.

Ne consegue che l’estensione dell’identità degli infiltrati fino ad includere altre persone e cose, facendo riferimento al discorso globale in materia di immigrazione e sicurezza, non riesce a nascondere i seguenti due fatti: primo, la persistenza dei palestinesi come una delle principali figure che vanno espulse; e secondo, la misura in cui il trattamento di tutti gli altri non-ebrei sarà modellato sulla base del trattamento dei palestinesi in qualità di infiltrati. Ed è in questo contesto che si può capire il riferimento allo stato ebraico da parte di Netanyahu. Questo stato, fino a poco tempo fa, era principalmente volto a escludere i palestinesi. Oggi, il suo carattere ebraico serve anche ad escludere gli africani e gli altri “infiltrati”. L’opera di razzismo e di esclusione che generò lo stato ebraico è la stessa opera che continua a organizzare le sue azioni in rapporto ad altre popolazioni. Per ironia della sorte, Israele potrebbe trasformare in palestinesi tutti gli altri non-ebrei del mondo.

Fare riferimento alla salvaguardia del carattere ebraico e democratico di Israele ha ulteriori conseguenze. Questo riferimento legittima in modo efficace il progetto dello stato ebraico associandolo a un discorso globale sull’immigrazione e la sicurezza. In altre parole, la salvaguardia dello stato ebraico diventa parte integrante di questo discorso globale. Ma vi è un’ironia in questa nuova dimensione di esclusione. Israele rivela ancora una volta di essere insicuro circa la realtà del suo carattere ebraico. Questa insicurezza è evidente quando Israele chiede che i palestinesi lo riconoscano come uno stato ebraico. E’ anche evidente nell’ossessiva costruzione di muri contro tutto ciò che è al di fuori della sua zona di auto-proclamata superiorità. I palestinesi, a quanto pare, non sono l’unico elemento che dimostra l’impossibilità di fatto di affermare il “puro” carattere ebraico di Israele. E se Israele ha bisogno di circondarsi di muri al fine di preservare il suo carattere ebraico, questo non è un indizio del fatto che Israele non è mai stato ebraico? Il progetto per la costruzione di questo muro può forse insegnarci che uno stato ebraico o è un’illusione, o è un’aspirazione che richiederebbe ancora più distruzione e ancora più espulsioni per far sì che essa sia temporaneamente soddisfatta?

Samera Esmeir insegna alla University of California, a Berkeley; fa parte del comitato editoriale di Middle East Report; è stata cofondatrice e condirettrice della Adalah’s Review, una pubblicazione di carattere socio-giuridico che si concentra sulla minoranza palestinese in Israele.

Condividi

7 Commenti:

Alle 21 gennaio 2010 22:47 , Anonymous Andrea ha detto...

Quanto al carattere (necessariamente) ebraico di Israele, osservo che quando l'Italia cedette alla Jugoslavia l'Istria dopo la seconda guerra mondiale, ne dovette riconoscere il carattere slavo e così la Germania dovette rinunciare alle sue pretese etniche per Wroclaw e Strasburgo, anche se in tutti questi casi c'erano buone ragioni storiche per la posizione opposta. I conflitti territoriali si chiudono innanzitutto rinunciando alle rivendicazioni etniche, alle radici ancestrali e al "diritto al ritorno": gli esuli italiani non torneranno a Pola o a Nizza, i serbi in Bosnia o nel Kossovo, e così i tedeschi che da secoli stavano a Praga o a Koenigsberg. La pace in Europa si fonda su questo tipo di rinunce.
Per Israele, il proprio carattere ebraico non è peraltro una questione di preferenza religiosa: a differenza dei paesi arabi, Israele tutela la libertà di religione e rispetta tutti in luoghi santi. È piuttosto una questione esistenziale. In questo quadro, il rifiuto arabo di accettare Israele come stato ebraico, che va di pari passo con la negazione della storia ebraica e di qualunque connessione fra ebrei e Terra d’Israele, equivale a un rifiuto dell’esistenza di Israele.

 
Alle 22 gennaio 2010 17:56 , Anonymous Gabry78 ha detto...

Il punto è questo: perchè i palestinesi dovrebbero accettare l'esistenza di israele come "Stato ebraico"? Penso tu sappia, Andrea, che cosa significa, significa dire che in quei territori l'unico popolo ad avere pieni diritti è quello ebreo, gli altri sono cittadini di serie B.Israele si fonda su un principio sbagliatissimo, quello secondo cui una nazione deve coincidere con la purezza etnica e religiosa dei suoi membri:sarebbe come se io dicessi che in Italia solo chi è cattolico o è discendente "purosangue" dei romani antichi ha la qualifica ad avere pieni diritti e mi mettessi a cacciare o a ghettizzare tutti gli altri.Israele è così, solo chi è di pura discendenza ebraica o professa la religione ebrea ha diritto ad essere un cittadino con pieni diritti, ma l'esistenza stessa di una nazione siffatta è un'offesa ai principi di egualitarismo, di giustizia, di democrazia e fratellanza su cui si fonderebbe la nostra stessa civiltà occidentale. La propaganda sionista ora può dire di tutto, ma i fatti dicono che anche gli arabi che vivono in israele non hanno pieni diritti politici, i loro pareri non influiscono sulle decisioni della leadership israeliana, il loro peso elettorale è ad arte limitato pur essendo di numero non trascurabile.E tuttavia israele li teme, vorrebbe che il loro numero sia il più possibile ridotto e da qui nascono i massacri, le pulizie etniche e appunto i muri fatti ipocritamente passare come forma di autodifesa.Uno Stato non può essere "ebraico e democratico", è una contraddizione in termini.

 
Alle 24 gennaio 2010 02:32 , Blogger amaryllide ha detto...

"I conflitti territoriali si chiudono innanzitutto rinunciando alle rivendicazioni etniche, alle radici ancestrali e al "diritto al ritorno""

parole sante, Zanardo. Ergo il conflitto tra Israele e ormai il mondo intero (perchè il muro adesso è pure contro gli immigrati) si risolve rinunciando
1) al diritto al ritorno degli ebrei in Israele
2) alla rivendicazione di Israele come stato ebraico

 
Alle 25 gennaio 2010 19:28 , Anonymous Gary78 ha detto...

Gli occupanti israeliani allagano la Striscia di Gaza aprendo le dighe!
Tratto da Infopal:
Gaza – Infopal. Un nuovo crimine israeliano si è compiuto oggi nel centro della Striscia di Gaza: le forze di occupazione hanno allagato le cittadine di al-Mighraqa e Hajar ad-Dik, nelle aree centrali e orientali della Striscia sotto assedio, e, dopo aver aperto la diga di Wadi Gaza, senza preavviso, hanno provocato un’inondazione.

Il nostro corrispondente ha raccontato che decine di case sono state allagate, causando lo sfollamento di centinaia di persone e gravi danni alle abitazioni stesse e ai campi coltivati.

La protezione civile è riuscita a mettere in salvo 60 cittadini rimasti bloccati a al-Mighraqa.

In un collegamento telefonico con il nostro corrispondente, il direttore della Protezione civile, Yussef al-Zahar, ha parlato delle operazioni di salvataggio e dell’evacuazione di numerose abitazioni. Ha tuttavia sottolineato che il livello dell’acqua è in aumento e che ciò rappresenta una minaccia per la sicurezza dei cittadini.

Il ministero degli Affari sociali, in collaborazione con le amministrazioni comunali, hanno deciso di utilizzare le scuole per accogliere gli sfollati e si sono impegnati a fornire cibo, coperte e vestiti.

Al-Zahar ha spiegato che le forze di occupazione israeliane hanno annunciato di voler aprire un’altra diga che dà sulla stessa valle.

La diga di Wadi (valle, ndr) Gaza è stata costruita dalle forze di occupazione decenni fa, allo scopo di privare la Striscia dell’acqua che riempiva la vallata durante l’inverno.

Ieri, l’hanno aperta senza preavviso, a seguito di inondazioni avvenute nel sud di Israele.

“Così – affermano a Gaza – gli occupanti ottengono due risultati: proteggere se stessi dalle inondazioni, allagare la Striscia di Gaza e aumentare la sofferenza della popolazione palestinese assediata”. Veramente una grande dimostrazione di civilità.

Eppure c'è chi sostiene Israele, come c'era chi sosteneva Hitler e i suoi accoliti, non vedo troppe differenze.

 
Alle 16 marzo 2010 00:42 , Anonymous Anonimo ha detto...

leggere l'intero blog, pretty good

 
Alle 16 agosto 2016 04:25 , Blogger Ann Ann ha detto...

Oltre a questo, la terza maglia del Chelsea 2016-2017 vanta un look semplice e moderno, con le tre strisce Adidas che scende sui lati della camicia piuttosto che le spalle e sulle maniche.maglie calcio,
poco prezzo Maglia Lazio a poco prezzo 2017
Magliette calcio Napoli

 
Alle 16 agosto 2016 04:40 , Blogger Ann Ann ha detto...

This Minnesota Vikings Double Sided House Flag measures 28x40 inches and provides a 2.5 inch top sleeve for insertion of a flagpole or banner pole. Our Minnesota Vikings Double Sided House Flag hangs vertically, is made of 100% thick polyester, features permanent Screen Printed NFL team logos, and is Viewable and Readable Correctly on Both Sides with each side having a different design (Helmet Logo and Team Logo).Miami Dolphins banners
New England Patriots stars and stripes flagsnfl house flags
nfl flags wholesale

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page