16 aprile 2008

Le regole dell'informazione "corretta" su Israele.

Dal sito Forumpalestina riportiamo questo interessante compendio delle regole che ogni buon giornalista deve seguire per potersi occupare con tranquillità (personale e lavorativa) di Israele e del medio oriente.

Regola numero 1 : In Medio Oriente sono sempre gli arabi che attaccano per primi, ed è sempre Israele che si difende. Quella israeliana è sempre una motivata rappresaglia.

Regola numero 2 : Gli arabi, palestinesi o libanesi non hanno il diritto di colpire civili : questo è terrorismo.

Regola numero 3 : Israele ha il diritto di colpire i civili arabi: questa è legittima difesa...

Regola numero 4 : Quando Israele uccide troppi civili, le potenze occidentali lo invitano alla moderazione. Questa si chiama « reazione della comunità internazionale » (e nemmeno questo sempre avviene, ormai, n.d.r.).

Regola numero 5 : I palestinesi e i libanesi non hanno diritto di catturare militari israeliani, anche se il loro numero non supera i tre soldati.

Regola numero 6 : Gli israeliani hanno diritto di rapire quanti palestinesi vogliono (circa 10.000 prigionieri al momento, 300 dei quali ragazzini). Non hanno nessun limite e non devono produrre nessuna prova della colpevolezza delle persone rapite. Basta che pronuncino la parola magica « terrorista ».

Regola numero 7 : Quando dite "Hezbollah", bisogna far sempre seguire l’espressione : « sostenuti dalla Siria e dall’Iran ».

Regola numero 8 : Quando dite Israele, non bisogna mai aggiungere « sostenuto dagli USA, dall’Italia e dall’UE » perchè potrebbe far intendere che si tratti di un conflitto squilibrato.

Regola numero 9 : Non parlare mai di « territori occupati », nè di risoluzioni dell’ONU, nè di violazioni del diritto internazionale, nè di convenzioni di Ginevra. Questo rischia di turbare i telespettatori e i radioascoltatori.

Regola numero 10 : Gli Israeliani parlano italiano meglio degli arabi : è per questo che gli si da la parola ogni volta che sia possibile, Così possono spiegare le precedenti regole (dalla 1 alla 9).

Regola numero 11 : Se non siete d’accordo con queste regole o se ritenete che favoriscano una delle parti in conflito a scapito dell’altra… ebbene siete dei pericolosi antisemiti.
Benché la stragrande maggioranza dei giornalisti della carta stampata e della televisione si attengano scrupolosamente a questi dettami di buon giornalismo, i sionisti di casa nostra non si mostrano mai soddisfatti dell'informazione che viene data in casa nostra sulle "prodezze" compiute quotidianamente da Israele a danno del popolo palestinese.
E così accade che il sito Informazionecorretta (un nome, un programma!), dopo aver stabilito che la redazione dell'Ansa non fa altro, da sempre, che diffondere "spazzatura su Israele", invita i propri lettori che vivono in Israele e che conoscono il giornalista Aldo Baquis "a chiedergli il perchè del suo comportamento": in maniera amichevole, s'intende.
Perchè l'unica motivazione che spinge la redazione di Informazionecorretta è quella, senza dubbio lodevole, di "stanare" la redazione dell'Ansa e "metterla di fronte alle sue responsabilità".
Al mio Paese, questa si chiama intimidazione, forse in Israele (e nella redazione di Informazionecorretta) si tratta di una pratica normale.

Etichette: , , ,

Condividi

9 Commenti:

Alle 17 gennaio 2009 13:38 , Anonymous deadpoet ha detto...

che tristezza... suggerirei a chi a stillato questi punti di farsi una cultura riguardo alla storia del medio oriente e un bel giro su http://www.informazionecorretta.com/

 
Alle 17 gennaio 2009 18:21 , Blogger vichi ha detto...

Ecco, appunto, e che ho scritto a fare?

 
Alle 18 gennaio 2009 19:00 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ed ecco l'ennesimo sito-cestino, cioè avente funzione di raccolta rifiuti, poiché basta un semplice colpo d'occhio per ritrovarvi le solite idiozie passate da testa vuota a testa vuota: un vero riciclaggio di stupidate. E' un peccato che taluni mettano a disposizione i propri ( pochi temo ) neuroni per rendersi burattini al comando delle solite baggianate antisemite, anzi no, scusate, rettifico, anti-sioniste, perché è vero, dimenticavo, voi non siete antisemiti, accidenti, Israele si potrà pur criticare no??? Cheddiamine! Ecco un modo veloce per sciacquarsi la coscienza con ritornelli da V elementare; un bell'armamentario sub-culturale,complimenti. Speriamo che almeno in prima media facciate qualche progresso ! Altrimenti cosa vi mando a scuola a fare ?

Roberto Fiaschi

 
Alle 19 gennaio 2009 10:43 , Blogger vichi ha detto...

Gentile roberto,
potevi evitare di sprecare tante belle parole ad effetto e limitarti a scrivere: è una stronzata.
Ma forse è una colossale stronzata quello che hai scritto tu!
Forse è vero, forse chi tiene blog come questo lo fa solo per sciacquarsi la coscienza, ma è comunque meglio questo che giustificare, o addirittura osannare, la ferocia bestiale, il massacro di bimbi innocenti, i crimini contro l'umanità commessi dai nazisti israeliani.

 
Alle 3 settembre 2009 09:54 , Blogger sion creek red ha detto...

ma che tristezza questo blog.
chi lo tiene in vita si dia fuoco che da vivo conta ben poco.

 
Alle 3 settembre 2009 10:16 , Blogger vichi ha detto...

Quello che non riesco proprio a capire è perchè certi rompicoglioni, che trovano questo blog triste, stupido, antisemita o quant'altro, non se ne stiano alla larga.

Farebbero forse un favore a loro stessi, sicuramente a chi scrive.

 
Alle 3 settembre 2009 20:19 , Blogger sion creek red ha detto...

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

 
Alle 8 maggio 2010 14:29 , Anonymous Andrea Citone ha detto...

In tutti i libri di cucina e` scritto che le frittate non si devono rivoltare!
Dico cio` in tutta solidarieta` con i poveracci che da sessant`anni vengono strumentalizzati contro un Paese che e` il Faro dell`umanita`. Chi vuol restare troglodita continui a gestire palestinanews.

 
Alle 8 maggio 2010 14:30 , Anonymous ancdrea citone ha detto...

I rivoltamenti di frittata non sono una bella cosa ..

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page