30 giugno 2009

Comunicato urgente del Free Gaza Movement.

Qualche ora fa la barca umanitaria del Free Gaza Movement è stata sequestrata dalla marina israeliana, a circa 23 miglia dalla costa di Gaza, e i suoi passeggeri sono stati rapiti e condotti forzatamente in Israele. Qui di seguito riporto il comunicato stampa ufficiale del movimento, di cui è urgente dare la massima diffusione.

ISRAELE ATTACCA LA BARCA DELLA GIUSTIZIA; RAPISCE LAVORATORI PER I DIRITTI UMANI; CONFISCA MEDICINALI, GIOCATTOLI E ALBERI DI OLIVO.

Per maggiori informazioni contatta:

Greta Berlin (English) tel: +357 99 081 767 / friends@freegaza.org

Caoimhe Butterly (Arabic/English/Spanish): tel: +357 99 077 820 / sahara78@hotmail.co.uk


(23 miglia a largo della costa di Gaza, ore 15:30pm) - Oggi le forze di occupazione Israeliane hanno attaccato e abbordato la barca del Free Gaza Movement, SPIRIT OF HUMANITY, rapendo 21 lavoratori per i diritti umani di 11 nazionalità, tra cui il Premio Nobel per la Pace Mairead Maguire e l'ex membro del Congresso USA Cynthia McKinney (vedi in fondo la lista completa dei passeggeri). I passeggeri e i membri dell'equipaggio sono stati tratti forzatamente in Israele.

“Questa è una violazione oltraggiosa della legge internazionale di cui siamo vittime. La nostra barca non si trovava in acque territoriali israeliane, e noi eravamo in missione umanitaria verso la Striscia di Gaza” ha detto Cynthia McKinney, ex membro del Congresso USA e candidata alla presidenza. “Il Presidente Obama ha appena detto ad Israele di lasciar entrare il materiale umanitario e da ricostruzione, e questo era esattamente quello che cercavamo di fare. Chiediamo alla comunità internazionale di chiedere il nostro rilascio così possiamo riprendere il nostro viaggio”.

In base al rapporto divulgato ieri dal Comitato della Croce Rossa Internazionale, i Palestinesi che vivono a Gaza sono in una “trappola disperata”. Migliaia di Palestinesi le cui case furono distrutte da Israle durante l'uoltimo massacro di dicembre/gennaio, sono ancora senza tetto nonostante la promessa di 4,5 miliardi di dollari di aiuti, perchè Israele rifiuta di far entrare cemento e altro materiale da ricostruzione nella Striscia di Gaza. Il rapporto fa notare anche che gli ospedali sono disperati perchè non riescono a venire incontro ai bisogni dei pazienti Palestinesi a causa della distruzione del materiale sanitario ad opera di Israele.

“Gli aiuti che portavamo erano simbolici di speranza per il popolo di Gaza, speranza che la rotta del mare potesse essere riaperta per loro, e che potessero così essere in grado di trasporate loro stessi il materiale per iniziare a ricostruire le scuole, gli ospedali e le migliaia di case distrutte durante l'offensiva “Piombo Fuso”. La nostra missione è un gesto nei confronti della popolazione di Gaza a dimostrare che siamo loro vicini e che non sono soli” ha dichiarato la passeggera Mairead Maguire, vincitrice del Premio Nobel per la Pace per il suo lavoro in Irlanda del Nord.

Poco prima di essere rapiti da Israele, Huwaida Arraf, Presidente del Free Gaza Movement e coordinatrice della delegazione in viaggio, ha dichiarato che : “Non è possibile che qualcuno possa ritenere che la nostra piccola imbarcazione possa costituire una minaccia di qualsiasi tipo per Israele. Noi trasportiamo materiale sanitario e per la ricostruzione, giocattoli per bambini. Tra i nostri passeggeri c'è un Premio Nobel per la Pace e un ex membro del Congresso USA. La nostra barca è stata perquisita e ha ricevuto i controlli di sicurezza da parte delle Autorità Portuali cipriote prima della partenza, e non ci siamo mai neanche avvicinati alle acque territoriali Israeliane”.

Arraf continua: “L'attacco deliberato e premeditato alla nostra imbarcazione disarmata è una chiara violazione delle leggi internazionali e noi chiediamo il nostro rilascio immediato e incondizionato”
###

COSA POTETE FARE!

CONTATTARE il Ministro della Giustizia
tel: +972 2646 6666 or +972 2646 6340 fax: +972 2646 6357
CONTATTARE il Ministro degli Affari Esteri
tel: +972 2530 3111 fax: +972 2530 3367
CONTATTARE Mark Regev nell'Ufficio del Primo Ministro:
tel: +972 5 0620 3264 or +972 2670 5354 mark.regev@it.pmo.gov.il
CONTATTARE la Comunità della Croce Rossa Internazionale per chiedere la loro assistenza per stabilire le condizioni di salute degli esseri umani rapiti e per assicurarci del loro rilascio immediato.

Croce Rossa Israeliana
tel: +972 3524 5286 fax: +972 3527 0370
Croce Rossa Svizzera: tel: +41 22 730 3443 fax: +41 22 734 8280
Croce Rossa USA:
tel: +1 212 599 6021fax: +1 212 599 6009
###

Lista dei Passeggeri rapiti sullo Spirit of Humanity

Khalad Abdelkader, Bahrain
Khalad è un ingegnere in rappresentanza dell'Associazione Islamica di Beneficienza del Bahrain.

Othman Abufalah, Jordan
Othman è un giornalista di Al-Jazeera TV, rinomato in tutto il mondo.

Khaled Al-Shenoo, Bahrain
Khaled è un lettore presso l'University of Bahrain.

Mansour Al-Abi, Yemen
Mansour è un cameraman di Al-Jazeera TV.

Fatima Al-Attawi, Bahrain
Fatima è una volontaria per gli aiuti e un'attivista della comunità del Bahrain.

Juhaina Alqaed, BahrainJ
uhaina è una giornalista e un'attivista dei diritti umani.

Huwaida Arraf, US
Huwaida è la Presidentessa del Free Gaza Movement e la coordinatrice della delegazione di questo viaggio.

Ishmahil Blagrove, UK
Ishmahil è un giornalista nato in Giamaica, realizzatore di video documentari e fondatore della compagnia di produzione cinematografica Rice & Peas. I suoi documentari sono focalizzati sulle battaglie internazionali per la giustizia sociale.

Kaltham Ghloom, Bahrain
Kalthamè un'attivista della comunità.

Derek Graham, Ireland
Derek Graham è un elettricista, organizzatore Free Gaza , e primo ufficiale a bordo dello Spirit of Humanity.

Alex Harrison, UK
Alex è un attivista per la solidarietà in Gran Bretagna. Lei va a Gaza per rimanere un lungo periodo a monitorare i diritti umani.

Denis Healey, UK
Denis è il Capitano dello Spirit of Humanity. Questo è il suo quinto viaggio a Gaza.

Fathi Jaouadi, UK/Tunisia
Fathi è un giornalista Britannico, organizzatore Free Gaza , e coordinatore della delegazione in questo viaggio.

Mairead Maguire, Ireland
Mairead vincitrice del premio Nobel per la Pace è una rinomata attivista per la pace.

Lubna Masarwa, Palestine/Israel
Lubna è un'attivista per i diritti umani dei Palestinesi e un'organizzatrice Free Gaza .

Theresa McDermott, Scotland
Theresa è un'attivista per la solidarietà in Scozia. Va a Gaza per rimanere un lungo periodo a monitare i diritti umani.

Cynthia McKinney, US
Cynthia McKinney , schietto difensore dei diritti umani e della giustizia sociale, come pure ex rappresentante al Congresso USA e candidata alla Presidenza.

Adnan Mormesh, UK
Adnan è un attivista per la soliderietà in Gran Bretagna. Va a Gaza per rimanere un lungo periodo a monitare i diritti umani.

Adam Qvist, Denmark
Adam è un attivista per la solidarietà dalla Danimarca. Va a Gaza per monitorare i diritti umani.

Adam Shapiro, US
Adam è Americano, realizzatore di documentari video e attivista per i diritti umani.

Kathy Sheetz, US
Kathy è un'infermiera e realizzatrice video, va a Gaza per monitorare i diritti umani.

Etichette: ,

Condividi

3 Commenti:

Alle 30 giugno 2009 19:30 , Blogger arial ha detto...

aggiornamento dinamico

http://twitter.com/freegazaorg

 
Alle 30 giugno 2009 19:36 , Anonymous Andrea ha detto...

Vichi, nel precisare che contrariamente a quanto asserisci non faccio propaganda e dico solo quello che liberamente penso, riporto un aggiornamento in inglese sulla vicenda, tratto dal quotidiano Haaretz:

No shots were fired during the boarding of the boat, and the crew was to be handed over to the appropriate authorities, the army said.

In the statement, the IDF Spokespersons' Unit added that it "would like to emphasize that any organization or country that wishes to transfer humanitarian aid to the Gaza Strip, can legally do so via the established crossings between Israel and the Gaza Strip with prior coordination."

The army said humanitarian goods found on board the boat will be transferred to the Gaza Strip, subject to authorization.

 
Alle 1 luglio 2009 11:11 , Blogger vichi ha detto...

E mica ho detto che ti costringono a fare propaganda, caro Andrea, lo fai spontaneamente, il che è certamente peggio visto che legittimi un'occupazione militare pluridecennale brutale e spietata e giustifichi persino gli inauditi crimini contro l'umanità commessi a Gaza dagli ebrei d'israele.

Ciò detto, che fai? Di un articolo di Ha'aretz riporti soltanto la propaganda del portavoce dell'esercito israeliano.

Che peraltro non smentisce in nulla quanto riportato: la marina israeliana ha abbordato la spirit of humanity, ha rapito i suoi occupanti, ha sequestrato il carico che portava.

Non hanno sparato addosso agli attivisti del free gaza, magari dobbiamo pure ringraziarli e dirgli quanto bravi e umani siano stati!

E chi ha dato la patente di legalità all'embargo che Israele attua contro Gaza? Perchè è Israele a dover decidere cosa può entrare nella Striscia e cosa no? Perchè ci deve essere bisogno di una "prior coordination" per far entrare merci a Gaza?

La verità è che Israele continua illegalmente a porre sotto assedio la striscia di Gaza, che ha rapito illegalmente degli attivisti per i diritti umani, che ha sequestrato illegalmente un carico di giocattoli e aiuti umanitari diretto nella Striscia, nell'incredibile inerzia e nel silenzio dei governi occidentali, complici dello Stato-canaglia israeliano.

Gli attivisti di Jewish Voice for Peace - perchè per fortuna non tutti gli ebrei difendono l'indifendibile - hanno diffuso ieri un comunicato invitando i loro aderenti e simpatizzanti a rivolgersi ai loro deputati e senatori di riferimento e al Dipartimento di Stato Usa per chiedere di far sì che la nave del free gaza e i suoi occupanti vengano immediatamente rilasciati, e il carico umanitario condotto a Gaza.

L'invito è "Chiedete loro quale crimine si commette nel portare alla gente di Gaza medicine, giocattoli e matite".

Già, quale crimine o atto di terrorismo si commette?

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page