21 giugno 2010

Il boicottaggio contro Israele comincia a ingranare.

Tratto dal sito del Forum Palestina, pubblico la traduzione di un articolo apparso il 14 giugno sul sito del giornale economico israeliano The Marker, che mostra come la campagna internazionale di Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS) stia cominciando davvero a dare fastidio a Israele e alle sue aziende.

Dopo il caso "Flottiglia" gli imprenditori europei a Israele: "ci è vietato fare affari con voi".

In esclusiva da Yehuda Talmon: "Le aziende che in passato sono state orgogliose dei loro legami con il Ministero della Difesa cancellano le tracce dai loro siti, in quanto questo è diventato motivo per interrompere i rapporti commerciali."

Imprenditori israeliani hanno ricevuto circa dieci lettere nel corso delle ultime due settimane dai loro colleghi in Italia, Germania e Svezia, i quali chiedono una dichiarazione che non fabbricano prodotti "dual use" - per uso civile e sicurezza.

Le società che hanno inviato le lettere hanno detto che se non ricevono questo tipo di conferma, i loro codici etici li obbligano a interrompere i rapporti con le aziende israeliane, ha dichiarato ieri Yehuda Talmon, capo dell'Organizzazione degli appaltatori indipendenti (Lahav).

"Il fenomeno ha avuto inzio con l'arrivo di comunicazioni da parte di imprenditori europei, inclusi quelli che le quali hanno rapporti commerciali da 10 a 20 anni , all'ufficio della presidenza di Lahav. Nelle comunicazioni, affermavano che, secondo il codice etico della loro società, è vietato fare affari con chi fabbrica prodotti "dual use", direttamente o indirettamente".

"Anche se l'azienda produce una parte di un veicolo per il Ministero della Difesa, essa non è eligibile per il cliente europeo," ha dichiarato Talmon. "Questo fa sì che le imprese, che evidenziavano orgogliosamente i loro rapporti con il Ministero della Difesa come elemento utile a promuovere le vendite, oggi eliminano ogni traccia di tali rapporti dai loro siti, perché questo sta diventando causa per la rottura dei rapporti commerciali".

La scorsa settimana Shraga Brosh, che dirige l'Uffico di coordinamento per le organizzazioni finanziarie, ha ricevuto una lettera da Rifat Hisarciklioglu, presidente dell'Unione delle Camere di Commercio e di Borsa in Turchia (TOBB). In questa lettera ha attaccato Israele sulla vicenda della flottiglia e ha invitato le imprese turche a rivedere i loro rapporti d'affari con Israele. Un'inchiesta da parte dell'Associazione degli Industriali ha trovato che questa lettera era stata inviata ai membri della TOBB.

Per quanto è attualmente noto, questa è la prima direttiva inviata dai leader del settore commerciale in Turchia ai loro colleghi che invita a non fare affari con Israele. Fino ad oggi, gli uomini d'affari turchi pensavano che potevano continuare a fare affari con Israele, nonostante le tensioni politiche. "I governi vanno e vengono ma gli affari restano", era l'adagio popolare di Istanbul.

Un altro sviluppo è venuto dalle industrie della difesa. Un'azienda israeliana che opera nel settore della sicurezza che stava negoziando un accordo in Spagna ha recentemente riferito al Ministero dell'Industria e del Commercio che il potenziale partner sta evitando le comunicazioni con essa sin dalla vicenda della flottiglia. La società Gamatronic, che opera nel campo della produzione di elettricità, inclusi i generatori, la scorsa settimana ha riferito che una società svizzera ha cancellato un accordo a seguito degli eventi della Gaza Flottiglia.

Durante la sua visita in Corea del Sud la scorsa settimana il Ministro dell'Industria e del Commercio, Binyamin Ben Eliezer, ha saputo da altre società delle difficoltà di comunicazioni sulla collaborazione, a seguito della vicenda della Flottiglia. Il Ministero dell'Industria e del Commercio teme che le "cancellazioni silenziose" di questi accordi - cioè quelle che non fanno grandi titoli sui giornali - si espanderà e produrrà danni al commercio israeliano.

Al termine della visita, Ben Eliezer ha detto ai membri della delegazione economica che "Lo Stato di Israele è sotto un assedio politico che non può che peggiorare. In questo periodo il governo deve aiutarvi, e vi aiuteremo. Dovrete raccontarci sempre di qualsiasi sensazione che avete su danni commerciali, embarghi, e la politicizzazione del commercio. Potremmo essere in grado di fermare le cose prima che ci sia un effetto a valanga ".

L'articolo in questione è di Ora Koren ed è comparso su The Marker -- 14 giugno 2010

Tradotto dall'ebraico da Dena Bugel-Shunra e poi per la versione italiana da Stephanie Westbrook

Etichette: , ,

Condividi

5 Commenti:

Alle 22 giugno 2010 00:16 , Anonymous Andrea ha detto...

Come mai ami tanto Gaza, che è uno staterello islamista jihadista, un avamposto dell’Iran, una base per la diffusione di terrorismo e sovversione, una fonte di propaganda apertamente antisemita e genocida?

 
Alle 22 giugno 2010 09:36 , Blogger vichi ha detto...

Va detto, anzitutto, che la campagna bds è volta a spingere israele non solo a togliere l'assedio alla Striscia di Gaza ma - più in generale - a mollare la presa sui territori occupati e a rientrare nell'alveo della legalità internazionale.

Per il resto, la storia la conosciamo tutti, Hamas aveva vinto delle regolari elezioni e gli è stato impedito di governare, e lasciamo stare l'appellativo "genocida" che, numeri alla mano, si adatta piuttosto allo stato-canaglia israeliano.

Se poi siamo d'accordo sul fatto che il "terrorismo" nasce e prolifera dove c'è miseria, ignoranza, disperazione, frustrazione, vorrei farti osservare che le politiche israeliane nei confronti dei Palestinesi sono in realtà il più potente strumento di propaganda a favore della lotta armata.

 
Alle 27 ottobre 2010 21:02 , Blogger Bario ha detto...

il "terrorismo" nasce e prolifera dove c'è miseria, ignoranza, disperazione,

ma come?? sappiamo tutti che arafa t, il grande capo popolo palestinese, è molto arci miliardario ( in dollari ) e tu ci parli ancora che il terrorismo "nasce e prolifera dove c'è miseria" ma miseria voluta da chi ???

 
Alle 28 ottobre 2010 14:43 , Blogger vichi ha detto...

Caso mai non ti fosse giunta la notizia, sai, Arafat è morto!

 
Alle 31 ottobre 2010 07:51 , Blogger Bario ha detto...

ha,ha,ha, che spiritoso che sei, sappiamo che il capo mafia è morto ma tutti ci ricordiamo che hanno aspettato 4 giorni prima di dichiarare ufficialmente la sua morte perchè non avevano ancora deciso come spartirsi la sua multi miliardaria eredità. Alla faccia del popolo palestinese!!!

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page