27 dicembre 2010

Per non abbandonare Gaza, per non dimenticare i crimini israeliani!

Torino, 27 dicembre 2010

ore 16.00 – 18.30


in piazza Castello angolo via Garibaldi


presidio


PER NON DIMENTICARE I CRIMINI ISRAELIANI!



Il 27 dicembre 2010, nel momento in cui gli studenti palestinesi uscivano dalle loro scuole, l'esercito israeliano scatenava l'operazione Cast Lead (Piombo Fuso). Fino al 18 gennaio uno degli eserciti più potenti del mondo ha ucciso e ferito civili, ha distrutto numerose infrastrutture civili, comprese sedi delle Nazioni Unite. La verità è contenuta in un rapporto di circa 600 pagine, predisposto da una missione istituita dal Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, missione presieduta da Richard Goldstone, ex-giudice della Corte Costituzionale del Sud Africa. Il porto denuncia i crimini israeliani e inchioda il governo e l'esercito israeliano alle loro responsabilità. Ma i politici e i media, italiani e internazionali, ignorano queste notizie.



Il 31 maggio 2010 l'esercito israeliano ha attaccato in acque internazionali la Mavi Marmara, una nave diretta verso Gaza perrompere l'assedio di 1.500.000 palestinesi, iniziato nel 2006 dopo le elezioni democraticamente vinte dal partito Change and Reform (Hamas).



Sono seguiti anche in questo caso rapporti, denunce, prese di posizione e condanne dell'attacco israeliano, da parte di governi e di istituzioni internazionali. Ma l'immunità e l'impunità delle quali gode Israele, dal momento della sua costituzione, per la complicità criminale dei governi occidentali, non è stata scalfita.



BOICOTTA ISRAELE!


NON DIMENTICARE



la pulizia etnica della Palestina,

il genocidio in corso nella Striscia di Gaza,

il politicidio del popolo palestinese.


La guerra israeliana contro il Libano del 1982,

il massacro di Sabra e Chatila.

Le guerre israeliane contro i popoli arabi.

La demolizione delle case e lo sradicamento degli ulivi, l'assassinio di attivisti internazionali.


La guerra israeliana contro il Libano del 2006.

L'operazione Piombo Fuso contro la popolazione civile della Striscia di Gaza, dic 2008 – gen 2009 - 1414 palestinesi uccisi.


L'arsenale nucleare israeliano.


L'attacco contro la Mavi Marmara,

31 maggio 2010 - 9 attivisti turchi uccisi.

Gli assassini e i ferimenti quotidiani di civili,

il Muro dell'Apartheid.



La complicità e il sostegno dei governi occidentali,del governo italiano e dei governi arabi “moderati”ai criminali di guerra israeliani.


BOICOTTA ISRAELE!


Assemblea Free Palestine - Torino 27 dicembre 2010.




* * * * * * * * * * *


Lunedì 27 dicembre


nel secondo anniversario del bombardamento sulla popolazione di Gaza


scendiamo in piazza per la Palestina!



Ore 18:00 Roma, Piazza del Campidoglio


fiaccole e candele per ricordare le 1.417 vittime dell'operazione piombo fuso

per la libertà di manifestare per la Palestina a Roma e nel mondo


Ore 20:00 Piazza Navona


foto, video, info
Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese

Etichette: , , ,

Condividi

3 Commenti:

Alle 28 dicembre 2010 12:52 , Anonymous Anonimo ha detto...

Una domanda (e non è polemica):se i palestinesi avessero le stesse armiche ha a disposizione israele, non farebbero forse altrettanto? Io credo che farebbero la stessa identita cosa, visto che già adesso prendono di mira i civili a Sderot e ad Asklon, sia pure con mezzi certamente non paragonabili a quelli dello Stato israeliano. La sproporzione nella risposta e la crudeltà di Israele c'è, non sono qui a negarlo perchè sarei in malafede:tuttavia non credo che i palestinesi siano migliori degli israeliani, spesso prendono di mira anche loro persone innocenti, ad esempio nel Settembre scorso c'è stata una crudele esecuzione di Hamas contro una famiglia di coloni israeliani che non aveva provocato nessuno e fu uccisa anche una donna incinta. Evidentemente per gli arabi vale la regola che "l'unico ebreo buono è quello morto", ma sembra che in questo blog il male è solo israele e basta.

 
Alle 29 dicembre 2010 15:45 , Blogger vichi ha detto...

In questo blog il male non è israele, né tanto meno gli ebrei, ma i crimini e l'occupazione israeliana da cui scaturiscono.

E' ben strano e bizzarro prospettare l'ipotesi "a parti inverse", affermando senza alcuna evidenza probatoria, che i palestinesi "farebbero altrettanto".

Qualcuno si è mai chiesto, "a parti inverse", cosa avrebbero fatto gli ebrei ai nazisti? Che senso ha?

Esiste uno stato e un popolo occupanti, al di fuori di ogni legalità internazionale, ed un popolo occupato, oppresso, massacrato.

Di questo ci si occupa, e dovrebbe essere "normale" per chiunque prendere le parti del più debole e dell'oppresso.

Ma, ma quando c'è di mezzo israele, ogni logica ed ogni senso morale vengono banditi.

 
Alle 5 gennaio 2011 10:14 , Anonymous Anonimo ha detto...

io invece penso che se gli arabi avessero la forza distruggerebbero israele.
poi un chiarimento, leggo nel manifesto guerre israeliane contro gli arabi,ma non erano stati gli arabi ad attaccare israele,ne 48 ,56,67,73?

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page