18 gennaio 2011

Voci nel silenzio: per non dimenticare le vittime del massacro israeliano a Gaza.


L'offensiva israeliana denominata "Piombo Fuso" - nel periodo compreso tra il 27 dicembre del 2008 e il 18 gennaio del 2009 - ha provocato la morte di 1.419 Palestinesi, 1.167 dei quali (l'82% del totale!) erano civili inermi e innocenti, e oltre 5.300 feriti.

Enormi e sconcertanti sono state le conseguenze per le abitazioni e le infrastrutture ad uso civile, ivi inclusi scuole, ospedali, fabbriche. I ricoveri gestiti dall'UNRWA distrutti dai raid israeliani - secondo i dati della stessa organizzazione - sono stati 3.600, 2.700 quelli gravemente danneggiati.

Secondo i dati del governo di Gaza, le case distrutte o danneggiate sono state 51.553, tra queste 3.336 sono state completamente distrutte e 4.021 hanno subito gravi danni.

Sin dall'immediata fine delle operazioni Israele, in violazione della risoluzione 1860/2009 del Consiglio di Sicurezza dell'Onu, ha negato inoltre la riapertura dei valichi di frontiera con la Striscia, impedendo l'ingresso dei beni necessari per le riparazioni e la ricostruzione, vietando in maniera pressocché totale le esportazioni, limitando la libertà di movimento dei residenti e determinando una gravissima crisi umanitaria che perdura tutt'oggi.

Per ricordare le devastazioni di "Piombo Fuso", per invocare la immediata eliminazione del blocco dei valichi di Gaza, per chiedere con forza che i crimini israeliani non rimangano impuniti, per ripristinare con la forza delle parole il diritto di ricordare le vittime innocenti della barbarie israeliana, donne, bambini, povera gente inerme, è stata organizzata a Palermo la terza edizione della rassegna "Voci nel silenzio", che si svolgerà dal 18 al 20 gennaio all'Atelier del Piccolo Teatro Montevergini, al numero 8 della via omonima, e dal 21 al 23 gennaio al Piccolo Teatro Patafisico, sito in Salita della Guilla, dietro la Cattedrale.

A organizzare la manifestazione è il “Coordinamento di solidarietà con il popolo palestinese”, in collaborazione con Arca “Federazione delle associazioni e delle comunità degli immigrati”, la comunità Rom di Palermo e l’associazione “Luminarie”. L’iniziativa è finalizzata anche a contribuire alla seconda missione della “Freedom Flottillia” che, nell’indifferenza di troppi verso la drammatica situazione di Gaza e della Palestina occupata, cercherà di rompere l’assedio alla Striscia, costringendo il mondo a volgere lo sguardo verso una regione dove le parole “pace” e “giustizia” sembrano aver perso ogni significato.

Questo è il programma degli appuntamenti.

Piccolo Teatro Montevergini

18 gennaio - Layla e i rumori degli aerei

Mario Bellone introduce i video di Stefano Savona girati durante il bombardamento di Gaza. Incontro-intervista con l'autore.

19 gennaio - Versi di terra ferita

Recital di poesie di Mahmoud Darwish.
Yousif Latif Jaralla, voce. Carlos Riboty, voce. Lelio Giannetto, contrabbasso. Said Benmsafer, liuto. Michele Piccione, percussioni.

20 gennaio - Il silenzio dei vivi e le grida dei morti

La meccanicità dei mass media di fronte alla tragedia palestinese. Partecipano: Vincenzo Guarrasi, geografo, Marcello Faletra, saggista, Lidia Tilotta, giornalista.

Tutti gli eventi avranno inizio alle ore 21:00 e saranno preceduti da buffet arabo-palestinese e dal té. Saranno raccolti contributi finalizzati al finanziamento della Freedom Flotilla 2, la cui partenza è programmata per la prossima primavera. Sono previsti infine, nel corso delle serate, due collegamenti telefonici con Vittorio Arrigoni e Moni Ovadia

Piccolo Teatro Patafisico.

MINIMO TEATRO FESTIVAL I EDIZIONE
Data: dal 20 al 23 gennaio 2011 - Ora: 21:00

Per un pugno di Datteri

PROGRAMMA DEL FESTIVAL La rassegna si svolgerà in 4 serate: 20, 21, 22 e 23 gennaio 2011 e sarà così organizzata. Il programma potrà essere integrato nel caso di iniziative promosse dalle associazioni che vorranno entrare a far parte dell'organizzazione.

20 gennaio: Serata di presentazione
h 18.30 Aperitivo e apertura del Festival.Verrà offerto del cibo cucinato da un cuoco arabo, mentre sul palco si avvicenderanno tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione del progetto ai quali sarà chiesto di raccontare chi sono e che attività svolgono sul territorio. Saranno presentate due pillole video su Gaza e la mostra sulla storia della Palestina in manifesti realizzate dalla ONG CISS - Cooperazione Internazionale Sud Sud.

21 gennaio - La Tana della iena di Hassan Itab (Palestina) con Carlo Orlando musiche in scena Simone Martino

22 gennaio - Ingannati liberamente tratto da Uomini sotto il sole di Ghassan Kanafani (Palestina) con Nicola Pannelli

23 gennaio - Habibi e altre storie.... con Paolo Li Volsi, Dario Mangiaracina, Carlo Orlando, Nicola Pannelli

Ogni sera prima degli spettacoli, dalle 19.30 con un piccolo contributo, sarà possibile cenare con un piatto di pietanze arabe e il ricavato sarà raccolto dal Coordinamento di Solidarietà con il Popolo Palestinese e inviato a sostegno della campagna per la Freedom Flottilla 2.

Etichette: , , ,

Condividi

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page