7 luglio 2008

La guerra israeliana al terrorismo.



Mentre guardate questo video, riflettete su questi dati, tratti dall'ultimo rapporto statistico dell'OCHA (oPt Protection of Civilians - Report to the end of May 2008), relativi al periodo 1° gennaio 2005 - 31 maggio 2008.

2005
Palestinesi uccisi 216 (60 bambini), feriti 1.260
Israeliani uccisi 48 (6 bambini), feriti 484
Rapporto uccisi 4,5:1

2006
Palestinesi uccisi 678 (140 bambini), feriti 3.194
Israeliani uccisi 25 (2 bambini), feriti 377
Rapporto uccisi: 27:1

2007
Palestinesi uccisi 396 (53 bambini), feriti 1.844
Israeliani uccisi 13 (0 bambini), feriti 322
Rapporto uccisi 30,4:1

2008
Palestinesi uccisi 397 (80 bambini), feriti 1.844
Israeliani uccisi 24 (4 bambini), feriti 170
Rapporto uccisi: 16,5:1

Dei 110 Israeliani uccisi nel periodo considerato, soltanto 29 (pari al 26,4%) erano civili, mentre il restante 73,6% delle vittime erano soldati uccisi durante raid militari.

Dei 1.687 Palestinesi uccisi nel periodo considerato, il 47,13% erano militanti morti in combattimento, il 43,62% erano civili inermi, il 9,25% erano vittime di assassinii mirati o ricercati uccisi durante operazioni di "arresto".

Per riassumere, dunque, tra il 1° gennaio del 2005 e il 31 maggio di quest'anno, i Palestinesi hanno ucciso 110 Israeliani (12 bambini), dei quali il 26% erano civili inermi.

Nello stesso periodo, gli Israeliani hanno ucciso 1.687 Palestinesi (333 bambini), dei quali il 43% erano civili inermi.

Considerando il totale delle persone uccise, per ogni morto israeliano se ne contano 15,3 Palestinesi; limitandoci a considerare i civili disarmati, questo rapporto sale a un Israeliano contro 24,4 Palestinesi!

Questo è Israele, uno vero e proprio Stato-canaglia stando ai parametri dell'amministrazione Usa, in quanto possiede armi di distruzione di massa illegali, opprime intere popolazioni, pratica la tortura, mantiene un gran numero di civili in detenzione spesso illegale e arbitraria, pratica l'assassinio al di fuori dei propri confini.

Questo è Israele, la sola potenza coloniale occupante rimasta al mondo, una potenza occupante brutale, feroce e oppressiva, la cui condotta è eticamente indifendibile e le cui azioni nei Territori palestinesi occupati violano quotidianamente le più basilari norme del diritto umanitario internazionale.

Questo è Israele, il Paese con cui intratteniamo rapporti sempre più stretti in campo economico e politico e che, al contrario, dovrebbe essere sottoposto al più stretto boicottaggio e bandito dal consesso delle nazioni civili.

Etichette: , , , ,

Condividi

3 Commenti:

Alle 8 luglio 2008 15:17 , Blogger Antonio Candeliere ha detto...

e' allarmante.

 
Alle 8 luglio 2008 19:02 , Anonymous guerrilla radio ha detto...

Un post perfetto Vichi.

Problemi personali gravi,
e una partenza prossima mi stanno tendono lontano un poco dalla mia guerrilla web.

Allora visto che il tuo post è perfetto, mi permetto di rilanciarlo a tutto campo su guerrilla radio.

ah,
sto partendo per cercare di liberare Gaza...

rispetto,
and free palestine!!!!!!!!!!!!!!

tuo Vik

 
Alle 9 luglio 2008 10:51 , Blogger vichi ha detto...

x Antonio: è allarmante, certamente, vi è una continua escalation nelle azioni militari israeliane condotte in dispregio alle norme basilari del diritto umanitario, con uso di armamenti pesanti in zone densamente popolate che non può che comportare un crescente coinvolgimento di civili innocenti.
E' un aggiornamento dell'antico detto "occhio per occhio", nel senso che adesso funziona "15 occhi per occhio"!
Ed è sbalorditivo come i governi occidentali - in contrasto non dico con una politica di difesa dei diritti umani ma persino contro i loro stessi interessi - chiudano gli occhi di fronte alla flagrante violazione di ogni norma e convenzione internazionale, ivi inclusa la road map, da parte di Israele.
x Vik: amico mio, buona partenza e in bocca al lupo!
E, soprattutto, statte accuorto!

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page