2 marzo 2011

Non è possibile delegittimare ciò che non è mai stato legittimo


Come abbiamo avuto modo di osservare, il termine “delegittimazione” è quello più usato dai politici israeliani e dai tanti amici che Israele ha nel mondo per tacitare quanti osano criticarne le politiche genocidarie, la pulizia etnica e l’occupazione dei territori palestinesi. Accade così che coloro i quali perorano la causa palestinese vengano accusati di negare subdolamente il diritto di Israele ad esistere e la legittimità stessa della sua esistenza.

In questa falsariga si pone l’articolo di Elena Loewenthal su La Stampa del 21 gennaio scorso, dove viene recensita l’ultima fatica letteraria di Pierluigi Battista, “Lettera a un amico antisionista”

La Loewenthal, dopo aver indugiato sui soliti temi cari alla propaganda sionista e aver citato niente meno che Martin Luther King, ripropone il mito del fronte arabo che “rifiutò” la risoluzione Onu del novembre del 1947 e fu causa della attuale tragedia palestinese.

Ma, come ci ricorda Massimo Mandolini-Pesaresi nell’articolo che segue, proprio i due capisaldi fondanti della “legittimità” di Israele, la Dichiarazione Balfour e la Risoluzione 181 dell’Onu, in realtà non sono in grado di legittimare alcunché.

La contradizion che nol consente”, ovvero la supposta “legittimità” dello stato d’Israele.
Massimo Mandolini-Pesaresi, 30.1.2011

“Ognuno è ebreo di qualcuno. Oggi i palestinesi sono gli ebrei di Israele.” (Primo Levi)

Lettera a un amico antisionista’ non è ancora arrivato in libreria e già se ne parla. In una recente puntata di Linea Notte (Rai 3, 19 gennaio scorso), l’autore, Pierluigi Battista, ha presentato la sua opera, sostenendo tesi discutibili, che non hanno suscitato confutazioni da parte dei giornalisti presenti. Il 21 gennaio, è stata la volta di Elena Loewenthal, che su La Stampa ha recensito il libro, battendo su temi consueti della propaganda sionista, con qualche vistoso errore. Mi sembra doveroso quindi articolare qui un punto essenziale della questione, su cui sembra che la disinformazione e mistificazione siano ormai endemiche. Mi soffermerò sul tema della “legittimità” dello Stato d’Israele.

Come ha acutamente osservato Alan Hart nel suo articolo del 5 aprile 2010, “The oxymoron of the de-legitimization of Israel”, non è possibile de-legittimare ciò che legittimo non è mai stato. Dopo questa perentoria dichiarazione, l’autore procede a valutare la portata dei due tradizionali fondamenti della “legittimità” dello Stato d’Israele: la Balfour Declaration del 1917 e la Risoluzione dell’Assemblea Generale dell’ONU del 29 novembre 1947.

Datata 2 novembre 1917, la Declaration, inviata in una missiva di Arthur Balfour a Lionel Walter 2nd Baron Rothchild (of Tring), costituiva il risultato dell’incessante sforzo di Chaim Weizmann, futuro primo presidente dello Stato d’Israele, e Nahum Sokolow, i due maggiori leader sionisti a Londra. Si noti che nel testo è chiaramente espresso il concetto che la creazione di una patria per il popolo ebraico non deve in alcun modo pregiudicare i diritti delle comunità non ebraiche residenti in Palestina (“nothing shall be done which may prejudice the civil and religious rights of existing non-Jewish communities in Palestine.”).

Va osservato che Arthur Balfour, allora Segretario di Stato per gli Affari Esteri, aveva, dodici anni prima, nel suo ruolo di Primo Ministro, introdotto una legge volta a limitare l’immigrazione ebraica nel Regno Unito. Inoltre, come Chaim Weizmann nota nei suoi diari: “Egli mi disse che un giorno aveva avuto occasione di conversare a lungo con Cosima Wagner, di cui condivideva molte idee antisemitiche” (He told me how he had once had a long talk with Cosima Wagner at Bayreuth and that he shared many of her anti-Semitic postulates). Tale collusione di sionismo e antisemitismo non dovrebbe sorprenderci, dato che lo stesso Theodor Herzl nei suoi Diari osservava: “Gli antisemiti diverrano i nostri migliori amici, i paesi antisemiti i nostri alleati.” (Anti-Semites will become our surest friends, anti-Semitic countries our allies).

Sempre sul carattere antisemitico della Declaration si espresse, nel suo celebre Memorandum, On the Anti-Semitism of the Present Government, Lord Edwin Samuel Montague, allora Segretario di Stato per l’India, e unico ebreo del gabinetto britannico: “Il Sionismo mi è sempre sembrato un’idea malvagia, incompatibile con lo spirito patriottico di un cittadino del Regno Unito” (Zionism has always seemed to me to be a mischievous political creed, untenable by any patriotic citizen of the United Kingdom).

In conclusione, la Balfour Declaration costituiva la formulazione di un progetto imperialistico all’interno della logica coloniale britannica. Con essa il Regno Unito si autoassegnava un Mandato su una regione, che era ancora – sia de iure che de facto – sotto la sovranità dell’Impero Ottomano. Si trattò pertanto di un progetto puramente politico, non di un’operazione ideologica o umanitaria a favore degli Ebrei.

Se un antisemita (Balfour) aveva posto le premesse per la creazione di uno stato ebraico in Palestina, furono le azioni militari e terroristiche della Haganah e della Stern Gang a rendere quel progetto coloniale una realtà. E così arriviamo alla seconda garanzia di “legittimità” per lo stato sionista: la Risoluzione 181 dell’Assemblea Generale dell’ONU riguardo alla costituzione in Palestina di due stati indipendenti, uno arabo e uno ebraico.

Anche in questo caso è facile osservare che l’Organizzazione delle Nazioni Unite non aveva alcun diritto di prendere decisioni senza l’approvazione dei suoi legittimi abitanti, e proprio su questo punto si fondava la mozione dei paesi arabi alla Corte Internazionale, perché l’Assemblea Generale fosse dichiarata non competente a dividere un paese contro la volontà della maggioranza dei suoi abitanti (nel 1946 vivevano in Palestina 1.269.000 Arabi di contro a 678.000 Ebrei). In ogni caso solo il Consiglio di Sicurezza aveva il potere di rendere tali risoluzioni vincolanti. Non è un caso infatti che la risoluzione non sia mai stata approvata dal Consiglio di Sicurezza: mentre l’Assemblea Generale era ancora impegnata in ulteriori deliberazioni, David Ben-Gurion proclamò unilateralmente l’indipendenza dello Stato d’Israele, il 15 maggio 1948. Fu quello un giorno di lutto non solo per il sionismo socialista, che aspirava alla creazione di uno stato binazionale, fondato sulla collaborazione con i lavoratori arabi, ma anche per tutti gli Ebrei, che avevano fino allora osteggiato l’idea di uno stato ebraico.

Un emblematico esempio di quest’ultima opposizione fu la dichiarazione presentata da Rav Yosef Zvi Dushinsky e Rav Zelig Ruven Bengis, , mercoledì 16 luglio 1947, presso il Comitato Speciale per la Palestina (United Nations Special Committee on Palestine (UNSCOP)), al fine di fermare il progetto di creazione di uno stato ebraico in Terra Santa.

Dopo un lucido excursus storico, dal regno di Salomone fino alla situazione presente, il Rav cosí si esprime sul Mandato britannico:

“Molti travagli e massacri senza fine sarebbero stati risparmiati, se il Mandato fosse stato applicato nei modi auspicati dal mondo ebraico ortodosso” (Much trouble and endless bloodshed might have been avoided if the Mandate were to have been applied in the manner hoped for by Orthodox Jewry).

La sua denuncia poi del ruolo deleterio delle organizzazioni sioniste nel controllo dell’immigrazione ebraica in Palestina non è meno vibrante:

“Resta comunque un fatto deplorevole che un serio errore sia stato allora commesso, riconoscendo prima i leader sionisti e poi la Jewish Agency come rappresentanti ufficiali della popolazione ebraica” (However, it is a regrettable fact that a serious blunder was committed at the time by recognising first the leaders of Zionism and then the Jewish Agency as official representation of the Jewish population). La loro insistenza a voler costituire uno stato ebraico in Palestina “ha suscitato timore negli Arabi nostri vicini in merito a ulteriori immigrazioni ebraiche ed ha cosí dato inizio a una loro fiera opposizione” (This aroused the fear of our Arab neighbors in connection with further Jewish immigration and thus started the determined opposition on the part of the Arabs against Jewish immigration).

Come Rav Dushinsky ribadisce con fermezza nella conclusione del suo appello:

“Gli Ebrei ortodossi non hanno la minima intenzione di soggiogare alcun settore della popolazione della Terra Santa. Noi semplicemente chiediamo che le porte della Palestina siano aperte a tutti quegli Ebrei che non hanno una loro dimora …Vogliamo inoltre esprimere la nostra ferma opposizione alla creazione di uno stato ebraico in una qualsiasi parte della Palestina” (Orthodox Jewry has not the slightest intention of subjugating any section of the population of the Holy Land. We merely demand that the gates of Palestine be opened to all those Jews who have no home […] We furthermore wish to express our definite opposition to a Jewish state in any part of Palestine).

Non si poteva desiderare una dichiarazione più scevra di ambiguità ed esitazioni.

Quando, quattro mesi dopo, appariva ormai certo che si stava procedendo verso la spartizione della Palestina, Rav Dushinsky vergò un telegramma, datato 19 novembre 1947 (a cui fece seguito un memorandum, The Question of Jerusalem), in cui, a nome di 60.000 Ebrei residenti in Palestina, pregava l’Assemblea Generale dell’ ONU che la città di Gerusalemme fosse esente dalla sovranità dello Stato sionista e fosse posta sotto giurisdizione internazionale.

Alla luce dei fatti su presentati, appare sconcertante che al giorno d’oggi si cerchi ancora di distorcere la realtà storica in nome di un mito: la favola della fondazione dello Stato d’Israele, dotato di tutti i crismi della legalità e rappresentante esclusivo del mondo ebraico.

Se anche lo Stato sionista è riuscito a rubare la terra ai Palestinesi e il nome al popolo ebraico, non riuscirà mai a ottenere da nessuno la legittimità della propria nascita.

2011 © Massimo Mandolini-Pesaresi

Massimo Mandolini-Pesaresi è un professore italiano, che vive da anni negli USA. E’ autore di numerosi articoli e di due libri di critica letteraria. Attualmente è impegnato in varie iniziative a sostegno della causa palestinese.

Etichette: , , , , ,

Condividi

6 Commenti:

Alle 3 marzo 2011 15:45 , Blogger uniroma.tv ha detto...

Al seguente link potrete vedere il servizio sull' International Master of Social Sciences and Humanitarian Affair, che riunisce in un progetto formativo e di solidarietà due popoli da sempre in guerra http://www.uniroma.tv/?id_video=18293

Ufficio Stampa uniroma.tv
info@uniroma.tv
http://www.uniroma.tv

 
Alle 12 aprile 2012 16:31 , Anonymous Anonimo ha detto...

La citazione di Primo Levi è una bufala. Levi non ha mai detto che i palestinesi sono gli ebrei di Israele.
La frase autentica è "ognuno è l'ebreo di qualcuno, i polacchi sono gli ebrei dei russi e dei tedeschi" comparsa nel romanzo "Se non ora quando".
Successivamente il Manifesto, scrivendo dell'invasione israeliana in Libano citò "ognuno è l'ebreo di qualcuno" e fuori virgolette aggiunse "i palestinesi sono gli ebrei di Israele".
Da qui è nata una leggenda metropolitana che si è sparsa urbi et orbi.
http://moked.it/blog/2012/04/11/le-vere-parole-di-levi/

 
Alle 12 aprile 2012 17:56 , Blogger vichi ha detto...

Il che non toglie nulla al fatto che, nella realtà odierna, gli israeliani siano il popolo occupante e carnefice dei palestinesi.

 
Alle 12 ottobre 2015 03:27 , Blogger 风骚达哥 ha detto...

20151012 junda
coach factory outlet
Buy Kobe Shoes Online Discount
ralph lauren
michael kors bags
michael kors outlet
Canada Goose Jackets Outlet Online Sale
Michael Kors Outlet Online No Tax
coach outlet store online
louis vuitton outlet
celine
Abercrombie T-Shirts
Wholesale Authentic Designer Handbags
cheap jordans,jordan shoes,cheap jordan shoes
michael kors handbags
Louis Vuitton Clearance Sale
michael kors outlet
nfl jerseys
canada goose outlet
Official Coach Factory Outlet Online Sale
Michael Kors Online Outlet Shop
ugg boots sale
Louis Vuitton Handbags Discount Off
cheap uggs
ugg boots
Gucci Outlet Online Sale
ralph lauren uk
Louis Vuitton Outlet USA
michael kors outlet
tory burch outlet
Louboutin Red Bottoms Shoes Outlet

 
Alle 18 maggio 2016 08:50 , Blogger chenlina ha detto...

chenlina20160519
replica watches
louis vuitton outlet stores
michael kors handbags
louis vuitton outlet
louis vuitton
instyler max
jordan 4 toro
gucci handbags
nfl jerseys wholesale
nike air jordan
adidas shoes
kate spade handbags
kobe 9
nike air force 1
louis vuitton outlet
louis vuitton
coach outlet
cheap jordans
air force 1
coach outlet
air jordan pas cher
cheap oakley sunglasses
air jordans
jordan 8
true religion sale
jeremy scott shoes
ray ban sunglasses
jordan retro 3
christian louboutin outlet
michael kors handbags
cheap oakley sunglasses
true religion outlet
adidas nmd
nike uk
toms outlet
coach factory outlet
louis vuitton handbags
cheap toms
louis vuitton outlet stores
michael kors outlet online
as

 
Alle 21 giugno 2016 07:57 , Blogger 柯云 ha detto...

2016-06-21keyun
michael kors outlet clearance
tory burch outlet
christian louboutin sale
retro 11
michael kors handbags
louis vuitton handbags
abercrombie and fitch
rolex watches
tiffany rings
ray bans
coach factory outlet online
ray ban sunglasses outlet
louis vuitton outlet stores
ray bans
fitflop shoes
louboutin shoes
coach outlet store online clearances
coach outlet online
asics running shoes
louis vuitton handbags
louis vuitton outlet
timberland shoes
retro 11
nike roshe shoes
kate spade
toms shoes
michael kors outlet
louis vuitton purses
gucci bags
discount jordans
oakley outlet
retro jordans 13
christian louboutin sale
michael kors outlet
air jordan shoes
coach outlet
kd 7 shoes
air jordan shoes
louis vuitton bags

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page