25 agosto 2009

Venti giorni nella Palestina occupata.

Dal sito web del Campo Antimperialista ho tratto questo breve articolo di Edoardo Bottini, un volontario italiano che ha trascorso 20 giorni ad Askar, un campo profughi situato nei pressi di Nablus che conta quasi 15.000 abitanti.

Al di là delle dettagliate analisi, statistiche e resoconti su quanto accade nella Palestina occupata, la testimonianza diretta è quella che consente di capire meglio di ogni altra la brutalità dell’occupazione militare israeliana e le miserevoli condizioni di vita in cui sono costretti a vivere centinaia di migliaia di Palestinesi, nell’indifferenza della comunità internazionale.

Sarebbe forse il caso di organizzare visite guidate e tour di scolaresche non solo ad Auschwitz e negli altri siti storici simbolo dell’Olocausto, ma anche in questi luoghi dove oggi, quotidianamente, l’uomo opprime, discrimina e uccide il proprio fratello, e dove persino la dichiarazione universale dei diritti dell’uomo non è altro che un pezzo di carta straccia privo di alcun valore.

Venti giorni nella Palestina occupata
di Edoardo Bottini

Sono tornato in Italia da poco, dopo 20 giorni trascorsi nel campo profughi di Askar, nei pressi di Nablus. Sono partito come volontario con l'associazione Zaatar (sul loro sito www.associazionezaatar.org si trovano tutte le informazioni sulle loro iniziative).

Continuo a pensare a chi in Palestina deve vivere ogni giorno con quello che io, da privilegiato internazionale, ho solo assaggiato.

Il popolo palestinese vive quotidianamente sotto la minaccia di un arbitrario potere militare di una potenza occupante straniera che si manifesta, prima di tutto, in una militarizzazione del territorio fatta di checkpoint fissi e mobili, tanto che i palestinesi sono abituati a informarsi più volte, durante qualunque viaggio, sulla situazione di questo o quel CP. Un'altra faccia della militarizzazione della Cisgiordania è il muro di separazione, che in realtà è il muro dell'appropriazione: 10 metri di altezza di cemento armato sormontato da filo spinato e controllato da torrette militari che espropria terreni ai villaggi palestinesi con il risultato, ad esempio, di impedire ai contadini di coltivare la propria terra. La lunghezza del muro è doppia rispetto a quella della Green Line del 1967.

Ho avuto la fortuna di trascorrere 20 giorni ad Askar e, quasi tutte le notti, l'esercito israeliano compiva incursioni nel campo per effettuare arresti o semplicemente per affermare il proprio arbitrario potere di sottoporre tutta la popolazione del campo ad un coprifuoco non dichiarato, ma di fatto vigente. Abbiamo chiesto ai volontari palestinesi se ci fosse qualcosa che noi, da internazionali, potevamo fare contro queste incursioni, come avvicinarci con un megafono dichiarando la nostra nazionalità . Ci è stato risposto che di notte i militari non hanno rispetto per nessuno, sparano a qualunque cosa si muova. Ci viene raccontato di come un abitante del campo sia stato ucciso perché si trovava sul tetto della propria casa durante una di queste incursioni: gli occhi indiscreti di un testimone non sono bene accetti nell'unica democrazia del Medio Oriente.
La stessa logica di soppressione del dissenso la trovi applicata sin dall'ingresso in Israele, al Ben Gurion, dove un volontario internazionale viene respinto perché ha partecipato a manifestazioni non violente contro l'occupazione con l'ISM. O a Bil'in, una delle città divenute simbolo della resistenza palestinese con la sua manifestazione settimanale contro il muro dell'apartheid: l'esercito israeliano accoglie i manifestanti pacifici con il lancio di lacrimogeni ad altezza uomo.

La violenza militare viene poi usata da Israele anche, e soprattutto, per l'appropriazione indebita di territorio. Come a Hebron, la città della vergogna: una città fantasma, dalla quale i palestinesi sono costretti a fuggire a causa dei soprusi dei coloni protetti dai militari. Il 70-80% dei negozi che costituivano il vecchio suk del centro storico sono ormai chiusi: mentre attraversiamo questo anomalo mercato arabo, vediamo le reti metalliche sopra le nostre teste, messe là per proteggere le vie dal lancio di rifiuti, molotov e quant'altro da parte dei civilissimi coloni. Hebron, città costellata da CP, è l'esempio di quello che Israele intende quando parla di convivenza con i palestinesi: ghettizzazione degli arabi, soprusi quotidiani di coloni invasati protetti dai militari e, quindi, furto della terra palestinese.

La logica militare è quella che vige anche nella scelta della localizzazione degli insediamenti, sempre posti sulle cime delle alture, a controllare il territorio circostante. Gli insediamenti in Cisgiordania sono vere e proprie città circondate da muri e filo spinato, presidiate da militari: tutti violano la convenzione di Ginevra che vieta ad un esercito occupante di trasferire civili sul territorio occupato. Le strade che collegano tra loro i vari insediamenti sono proibite ai palestinesi che rischiano l'arresto o anche la vita nel malaugurato caso in cui decidessero di percorrere una di queste vie, interamente in territorio palestinese.

La violenta follia dei coloni non si riversa solo contro le persone ma anche contro il territorio: leggevo una statistica secondo la quale soltanto il 10% dei rifiuti prodotti dai coloni viene riciclato, mentre il restante 90% viene sversato in territorio palestinese.

Personalmente ho visto come i coloni si approprino di corsi d'acqua da utilizzare come discarica.
L'occupazione è nella parole di tutte le testimonianze dei palestinesi: ciascuno ha una storia di soprusi, torture, carcere, pallottole da raccontare.

Un professore universitario di Nablus, che abbiamo avuto il piacere di incontrare, ci racconta di quando, partecipando ad un congresso negli USA, continuava a sentire associare ad Israele la descrizione propagandistica "l'unica democrazia del Medio Oriente". Ci dice sorridendo: "Beh, io sono stato torturato dall'unica democrazia del Medio Oriente", mentre ci mostra le cicatrici delle pallottole.

Lo stesso professore ci racconta di una manifestazione, il 30 Marzo 2001, in cui 50000 manifestanti pacifici decidono simbolicamente di procedere verso il CP di Awara, alle porte di Nablus. Il presidio militare li accoglie coi soldati schierati e i fucili puntati, quindi inizia a sparare sulla folla pacifica. Si conteranno 6 morti e la fine della tradizionale marcia del 30 Marzo a Nablus. Se i militari israeliani sparano sulla folla disarmata è legittima difesa, se la folla reagisce lanciando pietre è perché gli arabi sono dei barbari.

Una delle domande che mi sono sentito rivolgere più spesso in questi giorni è stata: "Cosa faresti tu se il tuo paese fosse sottoposto a un'occupazione militare?". Per fortuna, non riesco nemmeno a immaginarlo, questa è la verità .

Ho sentito parlare di resistenza e ho visto come il popolo palestinese resiste quotidianamente alla violenza dell'occupazione e all'indifferenza del mondo: senza dimenticare e senza perdere la speranza nel futuro. Le declinazioni della parola resistenza in Palestina sono diverse ma tutte hanno a che fare con l'attenzione alla società civile: dai teatri ai centri di sviluppo socio culturale, dalla creazione di una rete di contatti tra chi vive i soprusi dell'occupazione all'organizzazione della società civile. Solidarietà e comunità sono due tra le parole che in Palestina non senti mai ma che respiri ogni giorno.

I palestinesi vogliono la pace e tutti ricordano la felicità provata all'indomani degli accordi di Oslo, che sembravano finalmente porre fine all'occupazione. La realtà dei fatti dimostra che Israele non aveva alcuna intenzione di restituire la Cisgiordania e Gaza ai palestinesi: in 5 anni sorsero più di cento nuovi insediamenti e il numero dei coloni raddoppia passando da 200 mila a 400 mila unità . Una crescita demografica miracolosa e una esplicita dichiarazione di intenti riguardo la restituzione della terra ai palestinesi.

La situazione oggi, per quello che ho potuto capire io, è sempre molto fluida ed oscilla tra chi predice una nuova Intifada se la situazione non cambierà , e chi invece è convinto che aspettare e costruire una società civile sia la soluzione migliore.

Tutti però sono d'accordo su una cosa: il primo punto è porre fine all'occupazione della Cisgiordania e di Gaza che dura da 60 anni. Qualunque autorità che proceda ad accordi con Israele in cui questo non sia il nodo cruciale non rappresenta il popolo palestinese.

Quando lasci Askar, l'unica cosa che i palestinesi ti chiedono è di parlare di ciò che hai visto. Esattamente quello che Israele non vuole. E non è questione di pietà, è in gioco l'affermazione di un principio per tutta l'umanità: nessuno ha il diritto di occupare con la forza una terra e cacciarne gli abitanti. Ecco perché credo che fare parte di un campo di lavoro nei territori occupati costituisca non solo l'occasione di vedere con i propri occhi quale violenza subiscano quotidianamente i palestinesi, ma anche, e soprattutto, la partecipazione ad una forma di resistenza civile nella quale siamo coinvolti tutti.

Etichette: , , , ,

Condividi

4 Commenti:

Alle 25 agosto 2009 13:20 , Anonymous edoardo ha detto...

Ciao Vichi, sono Edoardo, l'autore dell'articolo. Leggo il tuo blog e lo trovo molto documentato. Sono contento che tu abbia pubblicato il mio report. Sto cercando di parlare della situazione il più possibile. Qualunque mezzo di diffusione è ben accetto.

Grazie
Edoardo

 
Alle 25 agosto 2009 14:29 , Anonymous Anonimo ha detto...

SE ISRAELE NON VOLESSE FAR PARLARE PROIBIREBBE DI ACCEDERE CREDO ,COME SUCCEDE IN IRAN ,VENEZUELA,SRY LANKA ,SUDAN, ANGOLA ,SOMALIA MA VEDO CHE A vOI QUESTI POSTI NON INTERESSANO, SONO FORSE I PETRODOLLARI CHE VI FANNO PENSARE SOLO ALLA PALESTINA OPPURE IL vS è SOLO ANTISEMITISMO?

 
Alle 25 agosto 2009 18:01 , Anonymous Gary78 ha detto...

Anche quando ci fu il genocidio ebraico gli stupidi e gli ignoranti hanno detto:"Ma com'è potuto succedere, ma com'è potuto capitare?", non voglia il cielo dovesse succedere la stessa cosa con i palestinesi!!
E già, perchè questi sciocchi non avrebbero neppure la scusante di dire "Io non sapevo", perchè ormai Internet informa di tutto e bisogna avere delle forti pregiudiziali ideologiche per non sapere, quindi si tratta di complicità.
Il sionismo e il nazismo sono simili, certo ogni fenomeno storico ha le sue peculiarità, ma vi sono vari elementi di somiglianza:
A) L'idea di stato etnico e il conseguente nazionalismo.
B)La teorizzazione del sopruso del popolo eletto (gli ebrei) contro quello palestinese visto come di Serie B, da cacciare.
C)L'idolatria della nazione, vista come l'incarnazione di un sogno di dominio.
Per me è assolutamente colpevole anche il papa, perchè non ha chiaramente denunciato il grave pericolo che l'ideologia sionista ha sul futuro dell'umanità, poi il governo che abbiamo è tutto pieno di persone che quasi quasi portano la kippà. Ma io dico: viva la Kefiah e un giorno sia finalemte pace tra gli ulivi martoriati, spero che un giorno sui libri di storia (magari lo vedrò, sono giovane)si dirà chiaramente che il Sionismo è nazismo.

 
Alle 26 agosto 2009 10:46 , Blogger vichi ha detto...

Risposta a commento n.2
Non riesco a trovare un nesso tra petrodollari e Palestina.
Cmq, mi fa piacere notare come ormai i metri di paragone usati nei confronti con Israele siano paesi come Somalia, Sudan e Angola...

SE ISRAELE NON VOLESSE FAR PARLARE PROIBIREBBE DI ACCEDERE CREDO ,COME SUCCEDE IN IRAN ,VENEZUELA,SRY LANKA ,SUDAN, ANGOLA ,SOMALIA MA VEDO CHE A vOI QUESTI POSTI NON INTERESSANO, SONO FORSE I PETRODOLLARI CHE VI FANNO PENSARE SOLO ALLA PALESTINA OPPURE IL vS è SOLO ANTISEMITISMO?

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page