9 luglio 2009

Il muro dell'illegalità e della vergogna.


Esattamente cinque anni fa, il nove luglio del 2004, la Corte Internazionale di Giustizia dell’Aja (ICJ) rilasciava il proprio parere consultivo (successivamente fatto proprio da un voto dell’Assemblea generale dell’Onu) sulle “Conseguenze legali della Costruzione di un Muro nel Territorio Palestinese Occupato”.

Il pronunciamento dell’Icj, in particolare, si articolava in cinque punti salienti:

1) la costruzione del muro da parte di Israele all’interno dei Territori occupati (e cioè non seguendo la linea armistiziale del 1949, la cd. green line) – ivi inclusa Gerusalemme est – e il regime amministrativo associato a detto muro sono da considerarsi contrari al diritto internazionale;

2) Israele conseguentemente ha l’obbligo di porre fine a tali violazioni, cessando immediatamente la costruzione del muro all’interno dei Territori occupati (e di Gerusalemme est) e smantellando le porzioni di muro già costruite che oltrepassano la green line, nonché abrogando o rendendo ineffettivi tutti gli atti legislativi e amministrativi connessi;

3) Israele ha l’obbligo, inoltre, di risarcire i Palestinesi rimasti danneggiati dalla costruzione del muro nei Territori Occupati;

4) tutti gli Stati sono obbligati a non riconoscere la situazione di illegalità venutasi a creare con la costruzione del muro e di non fornire in alcun modo aiuto o assistenza ad Israele nel mantenere in essere detta situazione; gli Stati firmatari della IV Convenzione di Ginevra del 12 agosto 1949 hanno, altresì, l’ulteriore obbligo di far sì che Israele si conformi alle norme di diritto umanitario internazionale contenute nella IV Convenzione;

5) le Nazioni Unite, e in special modo l’Assemblea Generale e il Consiglio di Sicurezza, dovrebbero considerare quali azioni intraprendere per porre fine alla situazione di illegalità determinata dalla costruzione del muro e dal regime ad esso associato.

Cinque anni sono passati da questa importante pronuncia dell’Icj, eppure nulla è cambiato, Israele continua a costruire il muro dell’apartheid in aperta violazione della legalità internazionale, e gli Stati parti contraenti della IV Convenzione di Ginevra permangono in uno stato di incredibile e ingiustificata inerzia, omettendo di adempiere al preciso obbligo loro imposto di non riconoscere il tracciato illegale del muro e di far rispettare il diritto internazionale umanitario e i diritti umani dei Palestinesi.

Israele si è sempre giustificato asserendo la temporaneità dei confini delineati dal muro, e la necessità della sua costruzione per motivi di sicurezza, ma la ICJ ha correttamente rilevato che lo specifico percorso scelto da Israele per la costruzione del muro non era affatto necessitato dai pretesi “motivi di sicurezza”.

La stragrande maggioranza del percorso del muro – esattamente l’86% del totale – è situata, infatti, all’interno della West Bank e non lungo la green line; ciò mostra, di tutta evidenza, come il percorso del muro sia stato ideato e pianificato con il fine preciso di includere al suo interno la gran parte degli insediamenti colonici costruiti in Cisgiordania, insediamenti che sono da considerarsi illegali alla luce del diritto internazionale.

Ad oggi, il percorso del muro è stato completato per circa 413 km. (58,3% del totale), mentre risultano in corso di costruzione ulteriori 73 km. del tracciato (cfr. OCHA, West Bank Barrier Route Projections, luglio 2009); quando il muro sarà stato completato, esso servirà ad annettere ad Israele un ulteriore 9,5% della Cisgiordania, ovvero quelle porzioni di territorio comprese tra la green line ed il muro stesso.

Il numero totale dei Palestinesi che resterà confinato tra il muro e la green line è pari a circa 267.000; di questi, 125.000 saranno circondati dal muro da tre lati (28 comunità, tra cui le aree di Biddya, Biddu e la città di Qalqilya), mentre 28.000 si troveranno a dover vivere in enclavi circondate dal muro da quattro lari (8 comunità, tra cui Az Zawiya e Bir Nabala).

Ma il caso più eclatante della violazione dei diritti umani dei Palestinesi operata dal muro è probabilmente quello relativo a Gerusalemme est.

L’accesso a Gerusalemme est è di primaria importanza per gli abitanti dell’intera Cisgiordania, vuoi per motivi religiosi, per la necessità di cure mediche, per il lavoro, l’istruzione, i rapporti familiari, etc. Eppure, per la maggior parte dei Palestinesi, questo accesso è proibito, a meno che non si possieda uno speciale permesso, molto difficile da ottenere, rilasciato dalle autorità israeliane. Da quando il muro è stato completato in quest’area, i possessori di permessi possono entrare a Gerusalemme solo da 4 dei 16 check point esistenti, e solo a piedi! Questo senza considerare che i permessi perdono validità in caso di chiusura generale, usualmente in occasione delle festività ebraiche o di allarmi per la sicurezza.

Ma il muro è soltanto uno degli elementi di un più esteso sistema di restrizioni della libertà di movimento dei Palestinesi che vivono in Cisgiordania. Accanto ad esso, infatti, convivono ben 613 check point ed ostacoli vari situati lungo le principali strade ed accessi, a cui vanno aggiunti gli ulteriori 84 ostacoli presenti nella zona di Hebron controllata da Israele (cfr. OCHA, West Bank Movement and Access Update, giugno 2009).

In aggiunta, il sistema delle strade è sempre più caratterizzato dalla segregazione e dalla discriminazione su base razziale: centinaia di chilometri delle strade della West Bank (le migliori…) sono ristrette o del tutto vietate ai Palestinesi, mentre gli Israeliani possono percorrerle liberamente. Si calcola che circa un terzo dell’intera Cisgiordania – inclusa Gerusalemme est – sia vietata ai Palestinesi sprovvisti di speciale permesso rilasciato dalle autorità militari israeliane.

Queste inaudite restrizioni, che non a caso per molti configurano un vero e proprio regime di apartheid, non violano soltanto la libertà di movimento dei Palestinesi, ma impediscono loro di esercitare pienamente tutta un’ampia gamma di diritti umani fondamentali quali il diritto al lavoro, alla salute, all’educazione, ad un adeguato standard di vita.

Nonostante la decisione dell’ICJ, dunque, la costruzione del muro dell’illegalità continua, e Israele continua ad annettersi terra palestinese e a vessare in ogni modo la vita dei residenti della West Bank. Ma questo muro è anche il muro della vergogna, quella rappresentata dalla inaudita e complice inerzia della comunità internazionale di fronte ai crimini e ai misfatti posti in essere da Israele.

Nonostante l’art.1 della IV Convenzione di Ginevra imponga agli Stati che l’hanno sottoscritta l’impegno a farne rispettare le previsioni, Israele non solo non viene chiamata a rispondere delle sue sistematiche e spudorate violazioni del diritto umanitario, ma gli aiuti internazionali continuano ad affluire, come se niente fosse, nelle casse dello Stato ebraico.

Così, per esempio, gli Stati Uniti continuano a fornire ingenti aiuti economici e militari allo Stato di Israele, senza condizionarli in alcun modo al rispetto dei diritti umani; così, ad esempio, l’Unione Europea ancor oggi non ha la voglia o il coraggio di far valere quella clausola del rispetto dei diritti umani, all’interno e all’esterno di Israele, contenuta all’art.2 dell’accordo di associazione Eu-Israele.

E il permanere del sostegno internazionale ad Israele non solo significa venir meno all’obbligo degli Stati di assicurare il rispetto del diritto internazionale, ma rappresenta una vera e propria complicità nei crimini commessi a danno del popolo palestinese, contribuendo a creare un clima di sostanziale impunità per lo Stato ebraico.

Finché permarrà questo discutibile atteggiamento della comunità internazionale e finché verrà adottato il solito doppio standard di giudizio, consentendo se non giustificando ogni crimine, per quanto efferato, se commesso da Israele, la pace in medio oriente sarà soltanto un traguardo irraggiungibile.

E non è detto che a pagarne il prezzo saranno sempre e solo i Palestinesi.

Etichette: , , , , ,

Condividi

14 Commenti:

Alle 10 luglio 2009 14:52 , Blogger arial ha detto...

bell'articolo. Volevo sottolineare la pubblicazione di un libro intitolato il Muro della Follia (israeliano) che smonta tutti i miti. In realtà il Muro è stato costrutio per permettere agli imprenditori di uscire dalla crisi di stagnazione economica di quegli anni

http://www.haaretz.com/hasen/spages/1031952.html

sintetizzato in italiano nel mio blog,ma perde molto

 
Alle 11 luglio 2009 10:51 , Blogger arial ha detto...

ho sbagliato link: questo è il linL di haaretz sul muro
http://www.haaretz.com/hasen/spages/990643.html

 
Alle 13 luglio 2009 11:24 , Blogger vichi ha detto...

Grazie per aver ricordato l'articolo di haaretz, che ci ricorda, tra l'altro, la spesa folle affrontata per la costruzione del muro e quanto questo dato strida con l'asserita "temporaneità" della barriera.

Secondo i dati dell'OCHA, il percorso progettato del muro è pari a 709 km., più del doppio della linea armistiziale del 1949 (cd. green line). Dunque, se nel costruire il muro Israele avesse seguito i confini precedenti la guerra del 1967 non solo non avrebbe violato il diritto internazionale, ma avrebbe anche risparmiato un bel po' di soldini.

Ma evidentemente i fini del muro erano e sono ben altri...

 
Alle 13 luglio 2009 12:02 , Blogger arial ha detto...

vergognoso
http://rete-eco.it/it/approfondimenti/politiche-israeliane/7594-how-israelis-see-the-wall-vs-how-the-rest-of-the-world-sees-the-wall.html

 
Alle 13 luglio 2009 23:04 , Anonymous Andrea ha detto...

Vichi, un solo dato: grazie alla barriera difensiva gli attacchi terroristici suicidi contro Israele sono diminuiti del 98%.
E tanto basta.

 
Alle 14 luglio 2009 11:22 , Blogger vichi ha detto...

No, tanto non basta.

Se lo scopo del muro fosse stata la sicurezza di Israele, si poteva costruirlo lungo i confini internazionalmente riconosciuti.

Invece Israele ha progettato e sta costruendo il muro inglobando un ulteriore 10% della Cisgiordania, in totale dispregio delle risoluzioni Onu, della legalità internazionale, del diritto umanitario.

La terra prima di tutto, e tanto basta ai ladri e agli assassini d'Israele.

 
Alle 14 luglio 2009 11:24 , Blogger arial ha detto...

come volevasi dimostrare
http://www.haaretz.com/hasen/spages/1100022.html

 
Alle 14 luglio 2009 17:11 , Anonymous guerrilla radio ha detto...

Hola Vichi,
ho divulgato dalle mie parti il tuo notevole pezzo aggiungendoci solamente un paio di dovute parentesi.

Mi spiace che ti abbia attaccato alcuni parassiti fra i commentatori...

un abbraccio dall'assedio oltre il mediterraneo che separandoci ci unisce.

Vik

 
Alle 15 luglio 2009 11:18 , Blogger vichi ha detto...

Vik, che piacere leggere il tuo commento!

Spero che tu stia bene e che tutto ti vada per il meglio.

La tua presenza lì, il tuo coraggio, la tua solidarietà è così importante per far sapere ai fratelli di Gaza che non sono soli e che in tanti trepidano e lottano per la loro causa.

Un abbraccio.

Vichi

 
Alle 12 agosto 2009 10:25 , Blogger Gianni di Gregorio ha detto...

NON BASTERANNO MILLE BLOG A TESTIMONIARE LA VERGOGNOSA POLITICA ISRAELIANA ASSISTITA DA USA E DA TUTTA L'IPOCRITA AREA EUROPEA (VEDI FINI).

 
Alle 16 novembre 2009 00:06 , Anonymous Anonimo ha detto...

necessita di verificare:)

 
Alle 16 marzo 2010 00:42 , Anonymous Anonimo ha detto...

Perche non:)

 
Alle 12 ottobre 2015 03:29 , Blogger 风骚达哥 ha detto...

20151012 junda
coach factory outlet
Buy Kobe Shoes Online Discount
ralph lauren
michael kors bags
michael kors outlet
Canada Goose Jackets Outlet Online Sale
Michael Kors Outlet Online No Tax
coach outlet store online
louis vuitton outlet
celine
Abercrombie T-Shirts
Wholesale Authentic Designer Handbags
cheap jordans,jordan shoes,cheap jordan shoes
michael kors handbags
Louis Vuitton Clearance Sale
michael kors outlet
nfl jerseys
canada goose outlet
Official Coach Factory Outlet Online Sale
Michael Kors Online Outlet Shop
ugg boots sale
Louis Vuitton Handbags Discount Off
cheap uggs
ugg boots
Gucci Outlet Online Sale
ralph lauren uk
Louis Vuitton Outlet USA
michael kors outlet
tory burch outlet
Louboutin Red Bottoms Shoes Outlet

 
Alle 21 giugno 2016 08:03 , Blogger 柯云 ha detto...

2016-06-21keyun
concords 11
coach outlet clearance
ralph lauren outlet
michael kors outlet
insanity workout
michael kors outlet clearance
michael kors outlet online sale
kate spade handbags
kobe shoes
coach outlet store
louis vuitton purses
tory burch sandals
tiffany and co jewelry
air jordan 8
coach factory outlet
hollister clothing
christian louboutin shoes
nike free 5.0
longchamp outlet
true religion outlet
jordan retro 13
michael kors purses
louis vuitton
coach outlet
replica rolex watches
coach outlet store online
michael kors handbags
coach outlet store online
louboutin shoes
ralph lauren outlet
michael kors outlet online
coach outlet store online clearances
michael kors outlet
polo ralph lauren
coach outlet
ray ban outlet
toms outlet
lebron 11
ralph lauren outlet

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page